Rally Estonia, Tanak guarda alla gara di casa per riaccendere le speranze “mondiali”

L’idolo di casa deve ripetere la vittoria dell’anno scorso per riaccendere le sue speranze di vincere il FIA World Rally Championship

Rally Estonia Tanak

2021 FIA World Rally Championship Round 03, Croatia Rally 22-25 April 2021 Ott Tanak Photographer: Austral Worldwide copyright: Hyundai Motorsport GmbH

Torna – dopo l’edizione ridotta del 2020 a causa della pandemia con un percorso più esteso – il Rally Estonia WRC. Il settimo round del mondiale, inaugura la seconda metà della stagione del WRC 2021, ed è il quarto round consecutivo su terra dopo Portogallo, Sardegna e Kenya.

L’eroe di casa Ott Tanak dovrà ripetere la vittoria dello scorso anno per riaccendere le speranze di vincere il FIA World Rally Championship. Tanak – che negli ultimi tre appuntamenti per due volte si è visto scippare la vittoria per delle rotture meccaniche – segue il leader del campionato Sébastien Ogier con 64 punti di svantaggio. L’anno scorso, ha guidato l’appuntamento inaugurale del WRC del suo paese praticamente dall’inizio alla fine, conquistando la sua prima vittoria con i colori di Hyundai Motorsport. Quest’anno la sua unica vittoria è quella conquistata sulla neve all’Arctic Rally Finland, poi si è ritirato con la sospensione posteriore rotta mentre era in testa sia in Portogallo che in Italia, e un parabrezza appannato lo ha limitato al terzo posto in Kenya il mese scorso. Il 33enne si trova a otto punti dal compagno di squadra della Hyundai i20 Thierry Neuville, che ha segnato un no-score in Africa dopo essersi ritirato anche lui mentre era il leader per problemi ad una sospensione.

“È bello guidare a casa – ha detto Tanak – e l’anno scorso abbiamo ottenuto un risultato incredibile conquistando la nostra prima vittoria in assoluto per Hyundai Motorsport. Siamo fiduciosi, possiamo lottare per la vittoria quest’anno, sappiamo che la macchina è veloce in queste condizioni”.

Da tenere d’occhio il giovane di Toyota Gazoo Racing Kalle Rovanpera. Il ventenne finlandese vive in Estonia e sta cercando la sua prima vittoria nel WRC. Dopo aver iniziato la sua carriera qui, è un fan delle strade sterrate veloci dell’Estonia. Come Tanak, negli ultimi quattro round ha dovuto fare i conti con diversi problemi, con un solo piazzamento tra i primi sei. “Non vedo l’ora di cambiare le cose e portarle nella direzione migliore per noi – ha detto il ventenne – e penso che l’Estonia possa essere un buon rally per farlo. Spero che avremo un buon feeling e una gara pulita e speriamo di poter tornare ad avere buoni risultati”.

Al fianco di Rovampera sulle Toyota ci saranno i compagni Sebastien Ogier ed Elfyn Evans. Il francese ha 34 punti di vantaggio su Evans in classifica dopo le quattro vittorie nei sei round disputati fin qui, inclusi due successi consecutivi in ​​Italia e Kenya il mese scorso. Takamoto Katsuta guida della quarta Yaris dopo aver ottenuto il suo miglior risultato in carriera con il secondo posto in Africa, mentre Pierre-Louis Loubet completa i partenti di alto livello sulla quarta i20 WRC Plus, accanto a Thierry Neuville, Ott Tanak e Craig Breen. Teemu Suninen torna nella formazione di M-Sport Ford insieme a Gus Greensmith. Il finlandese è un altro residente in Estonia e sostituisce Adrien Fourmaux nel team britannico, che ha ottenuto i suoi migliori risultati dell’anno in Kenya al quarto e quinto posto.

Il rally si apre a Tartu – quartier generale dell’evento – giovedì sera, con i concorrenti che affrontano 24 prove speciali per un totale di 324,16 chilometri cronometrati prima dell’arrivo domenica pomeriggio. Giovedì 15 luglio il via con lo shakedown di Abissaare. In tarda serata la cerimonia di partenza nella zona di Raadi seguita dalla prima prova speciale, la Tartu di 2 chilometri. Venerdì 16 luglio la prima vera tappa con quattro prove speciali da ripetere successivamente in blocco nel pomeriggio nella zona di Otepää. Le speciali saranno quelle di Arula, Otepää, Kanepi e Kambja, con qualche accorgimento e modifica rispetto allo scorso anno (la Kanepi sarà da percorrere in senso inverso). Sabato 17 luglio altre quattro speciali, da riaffrontare anche nel pomeriggio e tutte mai disputate dagli equipaggi. Sarà la giornata più lunga in termini di chilometraggio di gara: le speciali saranno la Peipsääre da 23,56 chilometri, seguita dalla nuovissima Mustvee, la Raanitsa e la Vastsemõisa. Il sabato si chiuderà con una prova extra, la Tartu 2. Domenica le ultime sei speciali, le NeerutiElva, e Tartu vald da ripetere due volte, con l’ultima valida come Wolf Power Stage.