Rally di Spagna, Neuville allunga su Evans. Nello Junior Armstrong dice addio al titolo

Prosegue la scia positiva del belga della Hyundai, che vince le prime tre prove della seconda tappa e allunga sul rivale della Toyota

rally spagna neuville

Thierry Neuville e Martijn Wydaeghe, Hyundai i20 Coupe WRC Foto - Dufour Fabien / Hyundai Motorsport

Il sabato del Rally di Spagna si apre con tre scratch di Thierry Neuville. La fitta nebbia questa mattina ha ridotto la visibilità sulla PS1, ma il belga è rimasto concentrato ed è stato più veloce di 1,7 secondi rispetto al rivale Elfyn Evans. Neuville si è ripetuto nella seconda speciale della giornata, la “Querol-Les Pobles 1” e sulla terza, la “El Montmell 1”, dove è riuscito ad allungare sul rivale. Adesso a dividere i due pretendenti alla vittoria ci sono 9 secondi.

Stabili comunque le posizioni, con Dani Sordo e Kalle Rovanpera che occupano la quarta e quinta posizione. Adrien Fourmaux al sesto posto precedeva il compagno di squadra Gus Greensmith, ma proprio l’inglese sulla speciale che ha chiuso il giro mattutino, ha perso la gomma posteriore sinistra, ed è stato costretto a concludere la prova sul cerchio, perdendo così oltre un minuto e scivolando in nona posizione.

I problemi di Greensmith hanno permesso alle due Hyundai i20 WRC di 2C Competition affidate a Oliver Solberg e Nil Solans di salire in settima e ottava posizione. Chiude la top ten Eric Camilli, con la Citroen C3, prima delle vetture R5. Nello Junior WRC si spengono le speranze di conquistare il titolo di Jon Armstrong, l’inglese si è fermato per circa cinque minuti sulla PS7 per un problema. Fermo anche Martin Seks. Sami Pajari guida la classifica davanti a Robert Virves e Lauri Joona. Dopo il service gli equipaggi torneranno in prova alle 14.14 con la speciale numero 10, la “Savalla 2”.