Sardegna, “La fortuna è cieca, ma la sfiga ci vede benissimo”: Tanak si ritira

Il campione estone ancora una volta è costretto al ritiro mentre domina la gara. Ogier adesso ha strada libera verso il successo

rally sardegna tanak

Come recita un famoso detto popolare, “la fortuna è cieca, ma la sfiga ci vede benissimo”, è successo di nuovo, Ott Tanak si ritira dal Rally Italia Sardegna. L’estone si è fermato sulla prova speciale “Lerno-Monti d’Alà 2”. Sembra abbia colpito un pietra lungo una curva a sinistra molto veloce, rompendo la sospensione posteriore sinistra della sua Hyundai i20 WRC Plus.

Davvero due fine settimana da dimenticare per il pilota di Hyundai, il campione del mondo 2019 in Portogallo infatti ha avuto la stessa identica sorte. Adesso la classifica vede primo Sebastien Ogier con un vantaggio di 17.5 secondi su Dani Sordo. Il francese ha colpito una roccia durante la speciale, ma la sua Yaris non ha riportato danni. Per lui strada spianata verso la vittoria. Resta serrata la lotta per il terzo posto tra Thierry Neuville ed Elfyn Evans. Il belga adesso ha soli 8.5 secondi di svantaggio dal pilota inglese.

Altra rottura su questa prova davvero selettiva per Gus Greensmith, che purtroppo deve issare bandiera bianca. Problemi anche per Takamoto Katsuta, il fuoriclasse giapponese è arrivato al traguardo con due forature sulla sua Yaris, che gli hanno fatto perdere ben 20,9 secondi. Nel WRC2 a dettare il passo è ancora una volta Mads Ostberg – dopo il ritiro di ieri di Andreas Mikkelsen – seguito a 25 secondi da Jari Huttunen e Marco Bulacia.

Yohan Rossel chiude davanti a tutti il primo giro per quanto riguarda il WRC3. Buona la seconda parte per il francese su Citroen C3, con un doppio scratch sul finale che gli concede un margine di 43.3 secondi su Pepe Lopez al volante di Skoda Fabia Evo. A segnare il miglior tempo sulle prime due speciali è stato invece l’altro spagnolo Jan Solans, terzo dell’assoluta per la categoria.

Tra gli italiani il migliore è sempre il siciliano Alessio Profeta (22esimo assoluto), seguito da Pablo Biolghini (23esimo) e Mauro Miele (25esimo), tutti e tre su su Skoda Fabia. Appuntamento nel pomeriggio per il secondo giro di prove da ripetere 2 volte, vedremo se il Rally d’Italia Sardegna saprà ancora regalarci emozioni e sorprese.