WRC, semaforo verde per il Rally di Svezia. Ma percorso ridotto

Sopralluogo sulle strade del Rally di Svezia da parte del delegato Fia. La neve c’è, ma il percorso è stato modificato

rally di svezia

Thierry Neuville e Nicolas Gilsoul - Jaanus Ree/Red Bull Content Pool

Dopo le eccezzionali temperature “calde” nella regione di Värmland in Svezia e oltre il confine con la Norvegia, il delegato sportivo della Fia Timo Rautiainen ha ispezionato le strade su cui si correranno le prove speciali, per verificare le condizioni dell’unico vero rally invernale del WRC.

La situazione è stata discussa dagli organizzatori del Rally Svezia, dalla FIA, dal promotore del WRC e dai team, ed è stata concordata una proposta di percorso. La gara si svolgerà sempre su quattro giorni come inizialmente previsto, ma con un itinerario modificato. Circa 180 chilometri di prove speciali, rispetto ai 301,26 inizialmente in programma, che assegneranno i normali punti di campionato. Il via giovedì sera, con la tradizionale cerimonia di partenza a Karlstad.

Venerdì quattro prove, con le due prove speciali in terra norvegese di Hof-Finnskog e Finnskogen, poi la speciale di Nyckelvattnet. In serata la Torsby Sprint. Sabato il secondo passaggio sulle stesse prove, mentre domenica si affronterà per due volte la PS di Likenas, l’ultima valida come Power Stage.

“È fantastico poter confermare che il Rally Svezia si correrà”, ha dichiarato il CEO dell’evento Glenn Olsson. “Molte persone hanno lavorato duramente negli ultimi giorni e sono lieto che i fan, i telespettatori e i concorrenti possano godere di uno degli impianti più spettacolari del WRC. Daremo il benvenuto ai fan nelle foreste come previsto. Coloro che non sono in grado di partecipare all’evento di persona potranno godere della copertura televisiva in diretta sabato e domenica, nonché dello streaming live di tutte le prove su WRC+ All Live“.