All’asta la Lancia Delta S4 con telaio 215 con cui Toivonen e Cresto ottennero la loro ultima grande vittoria nel WRC

Alimentata da un motore quattro cilindri da 1.759 cc da 480 cavalli, con induzione forzata mediante sovralimentazione e turbocompressore

Delta s4

Lancia Delta S4 Toivonen Cresto_1 - Foto Courtesy RM Sotheby's

Se per sabato 5 novembre non avete impegni ed il vostro conto in banca lo permette, potreste provare a portarvi a casa questa splendida Lancia Delta S4 telaio 215, che verrà battuta all’asta a Londra. Un capolavoro tecnologico che pesa solo 890 chilogrammi, alimentata da un motore quattro cilindri da 1.759 cc da 480 cavalli, con induzione forzata mediante sovralimentazione e turbocompressore. Parliamo della Lancia Delta S4 con cui Henri Toivonen e Sergio Cresto vinsero la loro ultima gara del mondiale, il Rally del Monte Carlo del 1986. (Iscriviti gratuitamente al canale Telegram di Rally Time per ricevere le notizie sul tuo telefono LINK)

La stella di Lancia sta iniziando lentamente iniziato a svanire, ma il marchio italiano mantiene una lunga e ricca storia di innovazione e intraprendenza. Ha prodotto alcune delle auto più belle mai realizzate, nonché alcune delle più tecnologicamente estreme. Proprio come i suoi connazionali a Maranello, l’azienda sembrava alimentata dalla passione. Il suo primato come costruttore di maggior successo nella storia del Campionato del Mondo di Rally parla da sé, nonostante non sia entrato in una squadra ufficiale dalla fine del 1993. Senza dubbio, la Lancia più estrema mai prodotta è stata la Delta S4.

Il successo nei rally della Lancia iniziò con la piccola Fulvia, prima dell’arrivo dell’incredibile Stratos appositamente costruita. Dopo l’acquisizione del Gruppo Fiat, la Stratos divenne sempre più politicamente sensibile in quanto si trattava di una speciale di omologazione che assomigliava più a una Miura che a qualsiasi prodotto Lancia, e nel processo di affermare il suo dominio ha ucciso la carriera della Beta Coupé. Per i rally, il supporto Works dell’officina Abarth si è spostato sulla Fiat 131, con la Lancia espulsa per diventare con successo due volte campionessa di classe nel Campionato del Mondo Sportscar con la Beta Montecarlo Gruppo V. Durante questo periodo, però, la Stratos ha continuato a causare problemi politici da vincere rally internazionali fino all’introduzione del Gruppo B nel 1982.

Il Rally 037 è stato sviluppato con la Beta Montecarlo come base libera e ha avuto molto successo, guadagnando alla Lancia un altro Campionato del Mondo di Gruppo B nonostante la categoria fosse un passo avanti rispetto al Gruppo IV. Ciò che divenne sempre più evidente subito dopo il debutto della 037 fu che il programma Quattro di Audi aveva suonato a morte per le auto da rally a due ruote motrici. Era chiaro che per rimanere al top del loro gioco, gli ingegneri Lancia avrebbero dovuto tornare al tavolo da disegno, cosa che fecero puntualmente nell’inverno 1982/83 con la SE038. Tra Cesare Fiorio, Sergio Limone e Giorgio Pianta, Lancia ha avuto un’enorme esperienza nel vincere rally e nel battere il mondo in via di sviluppo.

Lancia aveva una storia di partenza da zero per le nuove auto, e il progetto SE038 era molto diverso dalla 037. In primo luogo, il telaio era uno spaceframe tubolare, con l’idea che una tale struttura potesse essere riparata più facilmente a metà rally. Il motore era completamente nuovo con una riduzione di cilindrata a 1.759 cc per consentire un peso minimo ridotto come da regolamento Gruppo B. Lancia aveva testato il turbocompressore con lo 037, ma considerava il turbo-lag un problema importante. Per combattere questo, Lancia ha sviluppato una straordinaria disposizione di compressore e turbocompressore in modo che il compressore riducesse il ritardo del turbo ai bassi regimi e il turbocompressore assumesse le cose più in alto. Era un concetto ingegnoso e, nonostante la riduzione della capacità, la potenza è aumentata a un prodigioso 480 cavalli.

Come con lo 037, l’SE038 utilizzava il composito di Kevlar in tutta l’auto per mantenere il peso al minimo. Inoltre, la forma squadrata è stata ottimizzata per sviluppare quanto più carico aerodinamico possibile; non era bella, ma come con la 037, l’auto doveva assomigliare a una Lancia di serie, e quella era la Delta. Alla fine, l’SE038 è stato ribattezzato Delta S4 per rendere ufficiale la sua somiglianza, S4 che riflette la configurazione sovralimentata e a quattro ruote motrici.

Un’area che Lancia sapeva di dover non solo raggiungere il suo rivale ma avanzare ulteriormente era il sistema di trazione integrale. Gli ingegneri Lancia conoscevano i limiti dell’Audi, quindi si sono resi conto che dovevano padroneggiare il differenziale centrale per ottenere il grip offerto da un tale sistema senza compromettere enormemente la maneggevolezza.

Il debutto nel WRC della Delta S4 al Lombard RAC Rally del 1985 è stato un enorme successo con un 1-2 per Toivonen-Wilson e Alén-Kivimäki, anche se aiutato in parte dal ritiro di una familiare Audi Quattro S1 E2.

Le speranze per la stagione 1986 della S4 erano alte, specialmente con il talentuoso Henri Toivonen e Markku Alén di grande esperienza alla guida della squadra; entrambi erano potenziali campioni. Questa Delta S4, telaio 215, è stata rifinita con i colori Martini per la gara di apertura, il leggendario Rallye Monte-Carlo. Henri Toivonen e il suo nuovo copilota Sergio Cresto si sono schierati con il numero “7” e hanno continuato a decimare completamente la concorrenza con un minuto e 40 secondi di vantaggio sull’Audi di Röhrl, fino a quando, dopo la PS12, un utente della strada di passaggio ha perso il controllo e si è schiantato contro quella di Toivonen. S4.

Per molte auto questo sarebbe stato un incidente di fine rally: una ruota è andata persa, il telaio è stato danneggiato e il mollusco anteriore è stato distrutto. Alcune riparazioni lungo la strada hanno consentito al telaio 215 di passare alla fase successiva. In circa cinque brevi soste di servizio successive, Lancia Corse è riuscita a riparare l’auto. Il danno, aggravato da una cattiva scelta delle gomme, ha fatto scendere Toivonen al 2° posto assoluto. Con la SS27 questo S4 sembrava in forma migliore e Toivonen era nella forma della sua vita. Ha continuato a vincere tappa dopo tappa: solo Röhrl poteva competere e alla fine Toivonen aveva oltre 4 minuti di vantaggio su Timo Salonen al 2 ° posto. È stata una vittoria enfatica e ha promesso così tanto per le speranze del Campionato del Mondo di Toivonen; tragicamente niente di tutto questo doveva essere.

Dopo il Rally di Monte-Carlo, il telaio 215 è stato utilizzato come vettura di riserva per Toivonen al Rally del Portogallo, Alén al Tour de Corse e Mikael Ericsson al Rally dell’Acropoli. Dopo la scomparsa del Gruppo B, il telaio 215 fu utilizzato da Illide Romagna per finire 2° nel Campionato Europeo di Autocross 1988, e l’anno successivo vinse l’evento. La sua ultima apparizione pubblica fu come vettura da corsa per il Rally Alpi Orientali del 1990. A seguito di queste apparizioni sparse, il telaio 215 è stato venduto a un collezionista giapponese.

Nel 2013 questa storica Delta S4 è stata acquistata da un collezionista britannico che l’ha importata dal Giappone nel Regno Unito. È entrato nella Gran Turismo Collection nel 2019 e da allora è stato curato da BGM Sport. Più recentemente ha fatto apparizioni dimostrative in eventi come il Goodwood Festival of Speed.

Essendo l’auto con cui Toivonen e Cresto hanno ottenuto la loro ultima grande vittoria nel WRC, è un meraviglioso omaggio per loro. In seguito alla messa al bando del Gruppo B, diversi Delta S4 sono stati condannati ad anni di punizione delle competizioni di rallycross, che naturalmente ne hanno compromesso l’originalità. Questa Works Delta S4, presentata negli iconici colori Martini, è stata risparmiata da una dura vita post-fabbrica ed è ora una delle sopravvissute più originali. Con una storia importantissima e un’originalità apprezzata, l’opportunità di possedere una Delta S4 di questo calibro sarà irripetibile. Il Rallye-Monte Carlo del 1986 è ampiamente considerato come il punto culminante della venerata era del Gruppo B e probabilmente del WRC. Il significato storico del telaio 215 non è da sottovalutare. Il prezzo dell’asta è stimato tra i 2.050.000 € – 2.650.000 €, se vi sembra troppo cara, potrete provare a portarvi a casa una Lancia 037 Gruppo B Evo 1 telaio 319 con cui corsero: Alen, Vudafieri, Zanussi, Röhrl e Bettega alla metà del prezzo della Delta S4. Nel 1986 questa 037 passò nelle mani di Tre Gazzelle Srl, e Jean-Michel Blanchi guidò con successo nei rally francesi.