WRC, Tanak il più veloce nella prova speciale di apertura del Repco Rally New Zealand

Diciassettesima posizione per gli italiani Lorenzo Bertelli e Lorenzo Granai

Tanak

Ott Tänak (EST) Martin Järveoja (EST) Of team HYUNDAI SHELL MOBIS WORLD RALLY TEAM are seen performing during the World Rally Championship New Zealand in Auckland, New Zealand on 28,September // Jaanus Ree / Red Bull Content Pool // SI202209290031 // Usage for editorial use only //

Ott Tänak ha battuto la star della M-Sport Ford Craig Breen vincendo la speciale di apertura di giovedì sera al Repco Rally New Zealand. (Iscriviti gratuitamente al canale Telegram di Rally Time per ricevere le notizie sul tuo telefono LINK)

L’estone, alla guida di una Hyundai i20 N, ha superato di soli nove decimi il suo rivale Puma durante la speciale di 1,78 chilometri completamente asfaltata al Pukekawa Domain di Auckland

Il compagno di squadra di Tänak, Thierry Neuville era indietro di altri sette decimi dopo una spettacolare apertura che ha accolto il FIA World Rally Championship in Nuova Zelanda dopo una pausa di 10 anni. 

Con le auto che correvano su ghiaia, condizioni di umidità e catrame lucido hanno ostacolato i primi corridori. Ma Tänak, che correva 15esimo su strada, ha sfruttato al massimo la sua trazione superiore man mano che la superficie si asciugava gradualmente. 

Le sezioni veloci hanno intrecciato ciambelle strette e tecniche e, mentre il pilota estone ha ammesso di non essere troppo entusiasta della tappa, non ci sono stati episodi particolari da segnalare.

“Vedremo cosa possiamo fare-, ha detto Tänak-. Mi girava la testa qui e non avevo idea di dove stesse andando la strada – non è stato così divertente, in realtà!”

Un ottimo risultato per Tänak in questo 11esimo round porterebbe la lotta per il titolo al round successivo in Spagna, anche se ha insistito sul fatto che non stava pensando al distacco con il leader della classifica Kalle Rovanperä.

Le vetture GR Yaris hanno rappresentato il resto dei primi sei con Takamoto Katsuta al quarto posto che guida la Toyota a 2,0 secondi dal leader. Elfyn Evans era in ritardo di altri 0,2 secondi, ma ha tenuto quattro decimi di vantaggio su Rovanperä, che ha avuto una corsa sciatta dopo aver valutato male la prima ciambella.

“È stata una brutta corsa per me, ma è stato bello vedere tutte le persone qui-, ha spiegato Rovanperä-. Certo, la pressione è sempre lì, ma speriamo che questo fine settimana possiamo provare a fare un buon lavoro”.

Una corsa sgargiante ha assicurato il settimo posto al giovane Puma Gus Greensmith, mentre Sébastien Ogier, Oliver Solberg e il leader del WRC2 Hayden Paddon hanno completato la classifica. 

Il gioco si fa più duro venerdì con sei tappe classiche sulle strade della costa di Whaanga e della regione di Waikato vicino a Te Akau. Creano una tappa di apertura estremamente impegnativa che comprende più della metà della distanza competitiva del rally.

Per rendere la vita ancora più difficile ai concorrenti, non ci sarà alcuna possibilità di assistenza. Solo un cambio gomme a Raglan divide i due anelli di Whaanga Coast (29,27 chilometri), Te Akau South (31,02 chilometri) e Te Akau North (18,53 chilometri) durante una giornata incessante di 15 ore.