Monza Rally Show, Dani Sordo ci prova, ma Crugnola resiste

Domani la giornata decisiva con le ultime due prove speciali: Monza e Roccolo

andrea crugnola monza

La sfida al Monza Rally Show 2019 è tutta Volkswagen-Hyundai. Dopo le quattro prove speciali di oggi, a guidare la classifica è ancora Andrea Crugnola sulla Polo GTI. In seconda posizione a 9,3 secondi lo spagnolo del WRC e due volte vincitore del Monza Rally Show (2013 e 2010) Dani Sordo. Terzo a 10,6 secondi, il giovane Andrea Nucita, con la i20 R5.

Domani la giornata decisiva con le ultime due prove speciali. Il via alle ore 8,35 con la PS “Roccolo” (20,5 chilometri), l’ottava e ultima PS “Monza” (1,260 chilometri) partirà alle 8,59. In tarda mattinata sul podio sospeso sul rettifilo principale la premiazione dei vincitori dell’evento. A seguire, dalle ore 12,30, il rettifilo dell’Autodromo ospiterà la sfida Masters’ Show. Verrà riproposto anche quest’anno il salto ma con una lunghezza complessiva inferiore al 2018, per aumentarne la spettacolarità. Le rampe di salita e discesa saranno lunghe 10 metri ciascuna, con un’inclinazione del 5%. La parte piana misurerà invece 4 metri. Spettacolo con la sfida uno contro uno tra vetture storiche, 15 vetture R5. Con le Hyundai i20 Coupe WRC guidate da Thierry Neuville, Dani Sordo, Andreas Mikkelsen e Craig Been a esibirsi davanti al pubblico monzese.

LA CRONACA DELLA GIORNATA

Nelle Grand Prix si sono contesi i primi due posti in classifica Sordo e il pistaiolo Marco Bonanomi su Skoda Fabia. Nella PS 3 del mattino ha prevalso lo spagnolo (22’33.1), distaccando il lecchese di 2.7 secondi. Chiude nello stesso tempo di Bonanomi anche l’equipaggio Nucita-Nicastri sulla i20 di Phoenix. Piero Longhi danneggia una ruota posteriore e arriva quart’ultimo.

Nella seconda Grand Prix, Bonanomi (22’35) ha preceduto Sordo di solo 1 decimo di secondo. In terza piazza, ritroviamo la veloce Hyundai di Nucita. Le temperature più calde e il traffico hanno messo a dura prova i concorrenti. Molti i contatti, tra cui quello tra Beretta e Luca Rossetti che spinge quest’ultimo in fondo alla classifica. Buona prestazione di Raffaele Marciello su Citroen C3 che finisce la prova quarto.

Andrea Crugnola (5’38) è il più veloce della PS 4 “Parabolica”. Craig Breen su i20 è il secondo a 1.3 secondi. Dani Sordo è terzo. Spiega Breen: “Senza avere traffico riesco a guidare l’auto come vorrei. È stato un peccato avere perso così tanto tempo nella prova precedente”.

L’ultima Prova Speciale “Autodromo 2” fa perdere a Sordo il primo posto nella classifica assoluta. Un problema al motore lo rallenta facendolo scivolare in ventitresima posizione. Spiega Sordo: “Non è andata bene. Sento che il motore non spinge. Ho un problema”. Ha la meglio dunque la Polo di Crugnola (4’59.3), seguita a 2.2 secondi da Andreas Mikkelsen. Terzo all’arrivo, Alessandro Re navigato da Fulvio Florean su Polo.

Dopo due giorni di gara, dunque, Crugnola rimane in testa al Monza Rally Show, tallonato a 9.3 secondi da Dani Sordo. In terza posizione la i20 della coppia Nucita-Nicastri (primi nello Hyundai i20 R5 Trophy). Marco Bonanomi, navigato da Pirollo, è quarto. Seguono i piloti Hyundai, Mikkelsen e Breen.

Nel WRC 1.6 T Trophy, Mirko Puricelli su Citroen DS 3 è leader a 33.6 secondi da Luca Ferri su Ford Fiesta. La classifica del Monza Rally Show Historic è dominata da Lucio Da Zanche su Porsche 911 Scrs ma a soli 0.5 secondi c’è Marco Superti su Porsche 911.

sicilia vaccino covid