WRC, Citroen si concentra sul 2020. Budar: “Restiamo compatti per tornare i migliori”

Sulla stagione 2020 si è pronunciato Pierre Budar, Direttore di Citroen Racing

citroen toyota wrc

Dopo un’ottima partenza su terra il primo giorno, con uno scratch nella prima prova speciale, Sèbastien Ogier e Julien Ingrassia hanno visto svanire le loro speranze di vittoria per un’avaria idraulica nella crono successiva, e sono arrivati in fondo con il miglior piazzamento possibile. Risaliti in ottava posizione ieri, dopo aver confermato i progressi della C3 WRC su asfalto, facendo registrare diversi tempi molto validi, hanno proseguito la sessione di test in condizioni reali su questa superficie, in vista del futuro. Tutto questo non è stato sufficiente a contrastare Ott Tanak e Martin Jarveoja. Ormai concentrato sul 2020 e determinato a permettere a Sèbastien Ogier e Julien Ingrassia di riconquistarsi il numero 1, il Citroën Total World Rally Team affronterà l’ultimo appuntamento della stagione in Australia (14-17 novembre), con lo spirito combattivo che lo caratterizza e con la ferma intenzione di concludere in bellezza la stagione 2019, già costellata di undici podi di cui tre vittorie.

Esapekka Lappi e Janne Ferm, in totale sintonia con la loro C3 WRC, hanno dimostrato un ritmo gradualmente crescente il primo giorno su terra, fino a arrivare a soli 4″ dal podio all’inizio del secondo passaggio, prima che un problema al motore li costringesse al ritiro definitivo per il week-end. Tuttavia, Citroën Racing ha avuto la soddisfazione di vedere le C3 R5 realizzare una doppietta in entrambe le categorie: Mads Ostberg e Torstein Eriksen si sono imposti nel WRC2 Pro, mentre Eric Camilli e Benjamin Veillas, i loro delfini, hanno vinto il WRC2.

“Naturalmente non è il risultato che speravamo di conquistare arrivando qui. Eravamo determinati a dare il massimo fino all’ultimo, ma tutto è finito troppo presto. In seguito l’adrenalina e la motivazione sono necessariamente cambiate, ma abbiamo cercato di restare il più professionali possibile, per lavorare sul setup della vettura su asfalto, e provare ad attaccare comunque. Complimenti a Ott e Martin per questo titolo meritato e conquistato con abilità” le parole al termine della prova di Sèbastien Ogier.

“Sono deluso per questa conclusione arrivata troppo presto, tanto più che fino ad allora la prima giornata era stata piuttosto costante e solida in termini di velocità. Gli scarti erano ridotti, e la battaglia si preannunciava interessante. E poi mi sentivo molto a mio agio al volante della mia C3 WRC. Avrei voluto verificare i progressi su asfalto, che i tempi di Sèbastien e Julien hanno dimostrato andare nella direzione giusta. Ora sono ansioso di arrivare in Australia per concludere la stagione nel miglior modo possibile” ha detto Esapekka Lappi.

E sulla stagione 2020 si è pronunciato Pierre Budar, Direttore di Citroen Racing. “Per noi è già cominciata, perchè abbiamo avviato le attività per migliorare la vettura già dalla prima gara dell’anno. Tutti i nostri team di sviluppo sono sul piede di guerra per essere al massimo già dall’appuntamento d’esordio. Abbiamo un intenso programma di test che ci riserviamo la possibilità di ampliare ulteriormente. Spero che il 2020 ci permetta di raccogliere i frutti di quanto iniziato quest’anno, e comunque faremo il massimo per riuscirci. In questo week end siamo tutti delusi, poichè nessuno ha mai mollato in queste intense settimane. Ma restiamo compatti, e cercheremo di trarre nuovi insegnamenti da questo insuccesso, per continuare a crescere insieme e tornare a essere i migliori”.