Pregliasco, lo chiamavano il prete, andava come un diavolo

Mauro Pregliasco presenta il suo libro a Termini Imerese “Preglisco, lo chiamavano il prete, andava come un diavolo”

Mauro Pregliasco

Mauro Pregliasco

Verrà presentato oggi a Termini Imerese (PA), in via Eurako 3, presso la sede della concessionaria Nuova Sicilauto il libro di Carlo Cavicchi “Pregliasco, lo chiamavano il prete, andava come un diavolo”. Alla presentazione del libro, alle ore 18, ci sarà lo stesso Mauro Pregliasco, che ha scelto, anche grazie all’amicizia che lo lega al termitano Antonino Scalia, la città imerese per la sua presentazione.

Presentazione libro Pregliasco
Presentazione libro Pregliasco

Mauro Pregliasco è un grande personaggio del motorsport e del mondo dei rally, nasce in provincia di Savona e precisamente a Millesimo l’undici dicembre 1944, il suo esordio da pilota avviene disputando gare in salita a bordo di una Fiat 850 nel 1969. L’anno seguente debutta nei rally a bordo di una Lancia Fulvia HF 1600, nel 1972 vince la sua prima gara, il rally di Pistoia e sempre nello stesso anno vince il campionato italiano di autocross sempre al volante di una Fulvia HF, meritandosi il posto di pilota ufficiale Lancia. Nel 1974 alla guida di una Lancia Beta giunge secondo dietro alla Lancia Stratos di “Lele” Pinto al rally Targa Florio. Nel 1976 gli viene affidata la mitica Lancia Stratos, il suo debutto a bordo della bete-à-gagner avviene sempre in Sicilia.

A giugno del 1977 Pregliasco torna al volante della Stratos al rally di San Giacomo quando il campionato è già iniziato da 4 gare ma nonostante questo grazie alle vittorie al San Giacomo, al 4 Regioni al Piacenza e al Liburna ed un terzo e un secondo posto rispettivamente al rally del Gargano e al Liburna, riesce comunque a vincere il campionato Italiano. La stagione termina con la partecipazione al rally mondiale di Sanremo, dove giunge 4° assoluto e primo delle 4 Vetture Lancia che prendono il via.

Alfa Romeo, Ford, Pregliasco continua a vincere, ma successi per lui non vengono solo dalle gare, nel 1982 la CSAI gli affida l’incarico di istruttore federale rally, dal 1982 al 1984 dirige a Livigno una scuola di pilotaggio su ghiaccio prima per la Talbot e poi per la Ford. Nel 1986 gli viene chiesta consulenza tecnica per le riprese dello sceneggiato televisivo “Rally”. Nel 1987 fonda la società “Astra srl” operante nel settore motoristico e alla quale nel 1991 l’Abarth sceglie come partner per la sperimentazione di nuove soluzioni tecniche, tra le quali la telemetria nei rally e l’impiego di differenziali a controllo elettronico.

Per gli amanti del mondo dei rally, quella di oggi a Termini, sarà un’occasione da non perdere per incontrare un campione ed icona del mondo delle corse.

sicilia vaccino covid