Rally Polonia, Gryazin out e Lukyanuk passa al comando. Poi Mikkelsen e Marczyk

Il russo di Movisport aveva 40,5 di margine sugli inseguitori, ma non gli è bastato vincere 5 prove sulle 8 previste oggi

rally polonia poland lukyanuk

Alexey Lukyanuk e Alexey Arnautov - Citroen C3 Rally2

Alexey Lukyanuk è passato al comando del Rally Poland dopo il ritiro del leader Nikolay Gryazin a causa di una doppia foratura anteriore nella penultima speciale in programma oggi. Il russo di Movisport aveva 40,5 di margine sugli inseguitori, ma non gli è bastato vincere 5 prove sulle 8 previste oggi con la sua Volkswagen Polo GTI R5 per evitare la sfortuna.

“Due gomme si sono distrutte, ho pensato di aver colpito qualcosa, ma pare che sia stato un guaio derivato dalla sospensione anteriore – ha spiegato Gryazin – Purtroppo avevo solo una gomma di riserva ed è vietato proseguire su tre ruote. Sono cose che capitano, non ho potuto farci molto. Nel primo passaggio sulle PS era veloce e ho cercato di incrementare il margine, anche quando c’era tanta polvere e non si vedeva nulla”.

Lukyanuk ha vinto la speciale 7 con la sua Citroen C3 Rally2 del Sainteloc Junior Team e dopo aver scavalcato per 10,6 secondi Gryazin, ora ne ha 29,7 di vantaggio su Andreas Mikkelsen con la Skoda Fabia Rally2 Evo di Toksport WRT. “Mi sento a posto e la strategia nel pomeriggio ha funzionato, ringrazio tutti per l’ottima giornata, è fantastico tornare a correre su terra con una macchina così performante”, ha detto il Campione in carica.

Miko Marczyk (Orlen Team) occupa adesso la terza piazza con la sua Skoda, davanti a quelle di Wojciech Chuchała, Nil Solans (Rallye Team Spain), Norbert Herczig (Skoda Rally Team Hungaria) e alla Citroen di Yoann Bonato (CHL Sport Auto). Ottavo Efrén Llarena con la seconda Skoda del Rallye Team Spain, seguito dalla Ford Fiesta di Erik Cais (Yacco ACCR Team) e dalla Hyundai di Umberto Scandola (Hyundai Rally Team Italia). Sfortunata anche la gara di Craig Breen, costretto al ritiro a causa di una sospensione rotta della sua Hyundai i20 R5 del Team MRF Tyres.