Rally del Taro, due le gare in programma: Internazionale e Nazionale. I dettagli

Il Rally del Taro andrà in scena da venerdì 28 a domenica 30 maggio

Rally del Taro

Podio Taro Internazionale 2019 - Foto Amicorally

Il Rally del Taro torna in scena: dopo un anno di pausa, a causa dell’emergenza pandemica, la sempre affascinante manifestazione organizzata dalla Scuderia San Michele riprende il proprio cammino con la disputa della sua ventisettesima edizione, prevista per l’ultimo fine settimana di maggio. Il primo atto dell’evento, però, è già alle porte: da domani, giovedì 29 aprile, e sino alle 23.59 del 19 maggio, i concorrenti potranno inviare la richiesta d’iscrizione alla competizione: quest’anno, sarà possibile farlo esclusivamente via mail.

Il Rally del Taro andrà in scena da venerdì 28 a domenica 30 maggio secondo il protocollo anti-Covid19 di Aci Sport. Il programma prevede nella giornata di venerdì le ricognizioni sul percorso di gara (ammesse anche il sabato antecedente, il 22 maggio, quando saranno distribuiti i road-book della competizione). Il giorno seguente verranno assolte le abituali procedure burocratiche pre-gara; i motori inizieranno finalmente a rombare nel pomeriggio, quando Bedonia ospiterà lo shakedown per le vetture da gara, previsto dalle 15 alle 19. Il rally, invece, andrà in scena domenica 30, con partenza dal parco assistenza di Borgo Val di Taro alle 7.30 (per quanto riguarda il rally Internazionale) ed arrivo al campo sportivo di Bedonia alle 18 (gli orari sono riferiti al rally internazionale, mentre quello nazionale seguirà in coda).

La 27° edizione del Rally Internazionale, valido quale secondo atto della International Rally Cup, si snoderà su un percorso di 303,27 chilometri, 97,25 dei quali cronometrati, suddivisi nelle sette prove speciali in programma. I concorrenti transiteranno tre volte sulla prova di Folta (20,47 km) e due, invece, i passaggi sulle prove di Montevacà (13,59 km) e Tornolo (4,33 km); si correrà, quindi, sulle prove storiche del rally, ma spicca la novità dell’inversione del senso di marcia della prova di Folta (inedita, in questa configurazione, per quanto riguarda il rally del Taro), che renderà ancora più impegnativa la sfida agonistica.

Il rally Nazionale non titolato, che seguirà in coda la competizione principale, si articolerà su un percorso 224,11 chilometri e porterà gli equipaggi a disputare due volte ciascuna le tre prove in programma; la frazione di Folta, come sempre, sarà accorciata rispetto al rally Internazionale è sarà di 7 chilometri.

Direzione gara, sala stampa ed albo di gara saranno come sempre ubicati presso il seminario vescovile di Bedonia, mentre il centro accrediti (aperto nella giornata di sabato) avrà sede al Palafungo di Albareto. Confermato il già citato parco assistenza nella zona industriale di Borgo Val di Taro, i riordini durante la gara avranno sede invece presso il campo sportivo di Bedonia. Il rally si disputerà con il patrocinio dei Comuni di Bedonia, Borgo Val di Taro, Compiano, Albareto, Tornolo e Varese Ligure, della Provincia di Parma e dell’Unione dei Comuni Montani dell’Alta Val di Taro.