WRC, il Rally di Svezia in cerca di neve si sposta a Nord fino a Umea

Il Rally Sweden cambia casa e si sposta più a Nord, alla ricerca di neve e condizioni invernali stabili: la città scelta è Umea

rally svezia umea

2020 FIA World Rally Championship Round 02, Rally Sweden 13-16 February 2020 Thierry Neuville Photographer: Austral Worldwide copyright: Hyundai Motorsport GmbH

Umea si trova sulla costa orientale della Svezia a circa 600 chilometri a nord della capitale Stoccolma, è stata per due volte nominata migliore città svedese per lo sport e, ha battuto Ostersund e Lulea nella sfida per la location del rally invernale più famoso del WRC. Un’intensa ricerca durata 12 mesi e guidata dal Ceo del Rally Sweden Glenn Olsson. La cosa più importante nella mente di Olsson era che l’unico appuntamento invernale vero del FIA World Rally Championship potesse garantire strade innevate e ghiacciate.

“Una regione più a Nord, offre più sicurezza per la neve e per noi è un requisito fondamentale e, la capacità di fornire dati meteorologici storici è stata fondamentale per la decisione – ha affermato Olsson -. I punti di forza di Umea, oltre a un clima invernale stabile, includono una buona capacità alberghiera in combinazione con la possibilità di avere il parco assistenza e il quartier generale presso l’area fieristica di Nolia, una vivace comunità d’affari con il potenziale per attirare molti fan. Anche Ostersund e Lulea hanno presentato offerte importanti e soprattutto un grande impegno, ma nel complesso Umea è la sede ideale per il Rally di Svezia”.

L’area vanta più di 15 diverse prove speciali in un raggio di 50 chilometri dalla città che sono state utilizzate nei rally dei campionati nazionali. Dall’inizio del WRC nel 1973, il Rally di Svezia ha avuto base a Varmland e Glenn Olsson ha detto che è stato “difficile e triste dover lasciare la regione”. “La Svezia è uno dei pochissimi paesi coinvolti dal 1973, quando è iniziato il Campionato del mondo di rally e il grande impegno e la conoscenza di Varmland sono stati fondamentali in questo”.

Non c’è ancora nulla di ufficiale e messo nero su bianco, tra il Promotor WRC e gli organizzatori del Rally, alcuni dettagli devono ancora essere concordati, ma entrambe le parti hanno fatto sapere di essere fiduciose e che tutto sarà concordato e firmato a breve. “I rally invernali sono una delle sfide più grandi del WRC e la Svezia è stata un evento invernale fondamentale dall’inizio del campionato – ha affermato il direttore Promoter WRC Simon Larkin -. Abbiamo grandi speranze per il futuro sviluppo commerciale e sportivo di questo nuovo capitolo per il Rally di Svezia a Umea e non abbiamo altro che elogi per il duro lavoro svolto per realizzarlo. Varmland è stato una sede così straordinaria per così tanti anni e possiamo solo ringraziare tutti coloro che hanno lavorato all’evento e tutti i sostenitori”.

“Spostarsi verso nord è stato un must, viste le sfide che abbiamo vissuto negli ultimi anni – ha commentato Yves Matton, direttore rally della FIA -. Vorrei elogiare gli sforzi degli organizzatori del Rally di Svezia per aver escogitato alternative e assicurato questa nuova promettente base a Umea. È l’occasione per garantire le condizioni invernali adeguate che tutti sogniamo per un rally sulla neve”.