“Sono un combattente”: Sébastien Ogier “guarda” al titolo WRC 2020 con Toyota

Sébastien Ogier parla di compagni di squadra, auto nuova e spera in un settimo titolo mondiale

Sébastien Ogier

Sebastien Ogier - Jaanus Ree/Red Bull Content Pool

La stagione 2020 del World Rally Championship sarà la prima dal 2014, con Sébastien Ogier che, a Montecarlo, non sarà al via come campione in carica. Ma nonostante le voci di un possibile ritiro o di una pausa dal WRC, Ogier è ancora affamato di successo.

Hai parlato di ritiro alla fine del 2020, c’è qualche possibilità che questo nuovo accordo possa farti restare più a lungo?
Ovviamente mi piacerebbe un ultimo titolo con una terza Casa, ma non è proprio quello che ho in mente quando inizio la stagione. Quello che ho in mente è, sì, certo, vincere. Non inizio però pensando che questa sia l’ultima possibilità. Ho già avuto una carriera straordinaria.

Una nuova auto per un’altra nuova stagione…
Mi sto adattando abbastanza rapidamente nel nuovo ambiente, quindi spero sicuramente di farlo di nuovo questa volta.

Quanto è difficile iniziare il Rally di Montecarlo con una nuova auto e una nuova squadra?
Iniziare con Montecarlo sembra una sfida difficile, ma alla fine della giornata, la caratteristica di questo rally è così particolare, così difficile e così diversa dalle altre che la cosa più importante è avere un’auto dove ti senti a tuo agio. Se non conosci la macchina, è più difficile portarla al limite. È anche una gara in cui non è necessario sfruttare il 100 per cento delle prestazioni dell’auto. È più importante sfrutare al meglio le gomme e gestire le condizioni. In qualche modo è forse meglio iniziare con una nuova squadra e una nuova auto in questa gara.

È bello essere di nuovo compagno di squadra di Elfyn Evans?
Onestamente, è bello e sono felice che la squadra abbia deciso di prenderlo, merita questa opportunità. È bello averlo con noi, ma ora abbiamo entrambi molto da imparare. Abbiamo parlato con il team e con gli ingegneri, che erano interessati ad ascoltare i nostri primi feedback sull’auto. Quando lavori con gli stessi piloti per un po’, può essere difficile trovare una nuova direzione e nuovi modi di lavorare. Sembra che tutti siano abbastanza contenti della macchina, ma faticano a trovare il modo di migliorare, quindi forse avere nuovi piloti aiuterà il team.

Kalle Rovanperä è un altro nuovo compagno di squadra: quanto può un novellino di 19 anni aiutarti a raggiungere l’obiettivo di riconquistare il campionato del mondo?
Di sicuro dobbiamo lasciare libero di fare esperienza Kalle, la cosa migliore che possiamo fare per lui è dargli il tempo di imparare. Non è mai il mio approccio iniziare la stagione pensando: “Come può aiutarmi il mio compagno di squadra?”. Il mio obiettivo è sempre quello di concentrarmi su me stesso – questa è la cosa più importante. E per il resto, sai che non ho mai chiesto all’inizio della stagione di avere uno status speciale nella squadra.

Parlando della squadra, lavorerai con Tommi Mäkinen la prossima stagione…
Onestamente, non vedo l’ora di lavorare con il team, ma sì, Tommi è stato l’eroe della mia infanzia dalla fine degli anni ’90. Questo è il mio primo vero ricordo dal rally e Montecarlo, voglio dire, questa macchina rossa che domina il rally con Tommi al volante e, oggi lavorare con lui è emozionante. Anche lavorare con un marchio così iconico come la Toyota è qualcosa di speciale: hanno una grande storia nei rally e ho davvero molto rispetto della mentalità giapponese. Sono molto rispettosi delle persone e sono interessato a saperne di più sulla cultura giapponese.