Suzuki Rally Cup, il recup dopo la prima giornata al Rally di Roma Capitale

Ottima performance delle vetture del sol levante nell’intenso sabato di gara lungo gli asfalti del frusinate.

suzuki cup

Battaglia sin dall’inizio per quanto riguarda la Suzuki Rally Cup. Un testa a testa, prova dopo prova, tra Andrea Scalzotto e Corrado Peloso. Il veneto affiancato da Daniele Cazzador si è aggiudicato la prima e l’ultima prova della giornata iniziale nel Rally di Roma Capitale e ha preso da subito il comando della gara tra le Suzuki Swift R1. Dopo i 6 tratti cronometrati del sabato Scalzotto comandava la speciale classifica riservata alle vetture giapponesi con appena 0.9″ su Peloso. Primo tra i suoi rivali proprio l’aostano, stavolta navigato da Paolo Carrucciu, che è riuscito a portarsi a casa punti importanti grazie alla vittoria della Power Stage al secondo passaggio sulla selettiva prova “Pico-Greci”.

La corsa rimane comunque avvincente anche in vista della giornata conclusiva, dato che i primi cinque piloti della classifica sono racchiusi in appena 25″ di distanza al termine della sesta prova speciale. Terzo della classifica il giovane Emanuele Rosso, insieme ad Andrea Ferrari a +23.2 da Scalzotto, quindi quarto Fabio Poggio con alle note Valentina Briano. Il ligure leader della classifica generale del monomarca è stato protagonista con due scratch sia sulla “Santopadre-Arpino” che sulla “Roccasecca-Colle San Magno”.

Una prima giornata di gara intensa ma piuttosto positiva per tutti gli equipaggi della casa di Hamamatsu, che non hanno riscontrato particolari problematiche alle affidabili e scattanti Swift e Baleno R1B. Unico episodio sfortunato per “Pino Pic” finito in un fosso in una zona dove non c’era pubblico. Non riuscendo a recuperare la vettura ha chiuso la corsa fuori tempo massimo, ritirandosi a fine giornata. La sua Swift non ha riportato danni ingenti, quindi “Pino Pic” è riuscito a ripartire per il finale di gara.

CLASSIFICA SUZUKI RALLY CUP DOPO PS6: 1. SCALZOTTO-CAZZADOR (Suzuki Swift R1) in 1:07’08.2; 2. PELOSO-CARRUCCIU (Suzuki Swift R1) a 0.9; 3. ROSSO-FERRARI (Suzuki Swift R1) a 23.2; 4. POGGIO-BRIANO (Suzuki Swift R1) a 25.9; 5. FICHERA-DURO (Suzuki Baleno Booster) a 1’01.6; 6. RIVIA-DRESTI (Suzuki Swift R1) a 1’14.2; 7. MARTINELLI-GUZZI (Suzuki Swift 1.0 Booster Jet) a 1’31.6; 8. COSTANTINO-PARODI (Suzuki Swift R1) a 1’52.9; 9. BORGATO-DINELLI (Suzuki Swift R1) a 14’12.7;