Trofeo Aci Como, sfida scudetto a cinque per il CIR Asfalto, ecco le combinazioni per vincere

Inizia la settimana di chiusura per il Campionato Italiano Rally Asfalto 2022, che si prepara a vivere l’ultimo atto nel Rally Trofeo Villa d’Este ACI Como. (Iscriviti gratuitamente al canale Telegram di Rally Time per ricevere le notizie sul tuo telefono LINK)

Nelle giornate di venerdì 21 e sabato 22 ottobre sugli asfalti comaschi si decideranno le sorti del tricolore, come un anno fa. E anche stavolta la corsa al titolo di Campioni d’Italia Asfalto sembra destinata a risolversi solo all’ultimo chilometro, poiché sono ben 5 i piloti ancora in grado di puntare aritmeticamente al primo posto, anche grazie al punteggio a coefficiente 1,5 messo in palio in questa sfida finale. Difficile quindi fare pronostici, anche se osservando la classifica si riescono chiaramente a delineare gli equilibri tra i pretendenti Marco Signor, Simone Campedelli, Corrado Pinzano, Corrado Fontana e Giuseppe Testa.

Per abbozzare i calcoli e fare le classiche “proiezioni scudetto” è però necessario partire dai presupposti dettati dal regolamento del CIRA, che prevede una classifica finale calcolata sui migliori 5 risultati. Quindi ogni pilota dovrà effettuare il famoso “scarto”.

Proprio per questo i punteggi validi offrono un favore, seppur minimo, a Simone Campedelli e Corrado Pinzano. I due piloti con più vittoria all’attivo, due a testa al pari del padrone di casa Corrado Fontana, possono contare su una somma di punti effettiva, poiché entrambi hanno già speso lo scarto con un ritiro a testa. Campedelli e Pinzano sono quindi gli unici due piloti completamente padroni del proprio destino, ai quali basta una vittoria per laurearsi campioni. Discorso diverso invece per Marco Signor, che si presenta da leader ma dovrà togliere almeno 8 punti, il risultato più basso ottenuto fin qui a San Martino di Castrozza, come il padrone Corrado Fontana, che dovrà togliere 4,5 punti del Salento e Giuseppe Testa, che invece dovrà escludere 6 punti dell’Elba.

NOTA REGOLAMENTARE: per la classifica di gara utile al CIRA saranno trasparenti tutti i piloti stranieri, senza licenza FAMS o ACI Sport. Gli altri toglieranno punti anche se non iscritti al campionato.

Ecco quindi le combinazioni ideali per ciascun pilota.

SIGNOR (58pt in 5 risultati) VINCE IL CIRA SE: arriva primo ma Campedelli non sale sul podio. Nel confronto diretto, il romagnolo infatti vincerebbe il campionato anche con un terzo posto, poiché andrebbe a parità di punti (72,5) ma con il vantaggio di un maggior numero di vittorie a favore.  

CAMPEDELLI (57,5pt in 4 risultati) VINCE IL CIRA SE: sale sul podio e riesce a fare meglio di Pinzano. Ma il pilota di MRF riuscirebbe a vincere anche semplicemente piazzandosi davanti a Pinzano, oppure appena dietro nei primi tre posti, a prescindere dal risultato degli altri.

PINZANO (53pt in 4 risultati) VINCE IL CIRA SE: arriva primo. In caso di vittoria in gara infatti il biellese si assicurerebbe il titolo anche se Campedelli dovesse arrivare secondo. In quel caso, a parità di punti (75,5), Pinzano avrebbe ottenuto il vantaggio di una vittoria in più.  

FONTANA (51,5pt in 5 risultati) VINCE IL CIRA SE: conquista l’ennesima vittoria in casa, ma deve anche sperare che Pinzano non arrivi secondo e Campedelli non faccia meglio del quinto posto.

TESTA (48pt in 5 risultati) VINCE IL CIRA SE: si avvera una condizione estrema, quasi impronosticabile. Il molisano infatti sarebbe campione solamente se riuscisse a conquistare la sua prima vittoria assoluta, con Campedelli e Pinzano piazzati entrambi oltre il quarto posto, Signor fuori dal podio e Fontana al massimo terzo.