La strumentazione del tetto della Hyundai durante il test pre-evento del Rally Catalunya

Uno degli strumenti più utilizzati per misurare la velocità dell’aria nelle gallerie del vento e per i test all’esterno

Hyundai

Hyundai i20 WRC test pre Catalunya tubo di pitot

Durante i test pre-evento del Rally Catalunya tenuti da Hyundai questa settimana, uno strumento di misurazione è stato visibile sul tetto della Hyundai i20 N Rally1 guidata da Thierry Neuville/Martjin Wydaeghe e Ott Tänak/Martin Järveoja. Sono state sollevate molte domande sullo scopo di questo strumento, quindi riteniamo che valga la pena approfondire la questione. (Iscriviti gratuitamente al canale Telegram di Rally Time per ricevere le notizie sul tuo telefono LINK)

Lo strumento era un tubo di Pitot. Questo è uno degli strumenti più utilizzati per misurare la velocità dell’aria nelle gallerie del vento e per i test all’esterno. Nel test Hyundai, il tubo di Pitot è stato montato su un supporto aerodinamico, progettato per creare una minima resistenza dell’aria, cioè per ridurre al minimo le perturbazioni che uno strumento così importante potrebbe causare alle prestazioni dell’auto.

Qual è lo scopo del montaggio di un tubo di Pitot durante il test? Perché i valori di velocità dell’aria forniti da questi strumenti sono molto più affidabili dei valori di velocità dell’auto registrati dal tachimetro. Il tubo di Pitot, posto in posizione fissa rispetto alla vettura, fornisce agli ingegneri informazioni molto preziose sulla velocità massima, media e le diverse gamme di velocità durante il test. Queste informazioni sono molto utili non solo per la regolazione dell’auto, ma per gli ingegneri responsabili delle simulazioni numeriche eseguite attraverso le tecniche di fluidodinamica computazionale (CFD) per simulare il flusso d’aria intorno all’auto.

I risultati ottenuti con le tecniche CFD descrivono con elevati livelli di precisione i livelli di velocità, pressione e turbolenza attorno all’auto. Ma, affinché questi risultati siano utili, è necessario un riferimento. Cioè, devono conoscere il valore della velocità relativa in un punto fisso, per regolare tutti i calcoli da questo valore. Questo spiega anche perché il tubo di Pitot si trova così in alto sul tetto: per fornire valori di velocità liberi da qualsiasi interazione con l’auto.

Come funziona un tubo di Pitot? Il tubo di Pitot ha due tipi di orifizi: uno anteriore e diversi in posizione arretrata. Quello davanti misura la pressione assoluta, cioè la somma delle pressioni statiche e dinamiche. Quelli posteriori misurano solo la pressione statica, data la loro posizione perpendicolare alla direzione del flusso. La pressione dinamica è quindi ottenuta dalla differenza tra la pressione assoluta e la pressione statica. E la velocità relativa è direttamente proporzionale alla pressione dinamica.

L’uso di tubi di Pitot non è raro nei test delle auto da corsa. Sono comunemente usati nei circuiti, molte volte in un rack di essi per caratterizzare il flusso d’aria intorno all’auto. Ma i tubi di Pitot sono stati ampiamente utilizzati anche nei test delle auto da rally. Citroën, così come Hyundai, sono squadre che le hanno utilizzate in precedenza durante i test.