Nikolay Gryazin non prenderà il via al Rally Estonia, negato l’ingresso da funzionari governativi

Il 24enne russo è terzo nella classifica WRC2

Movisport Gryazin penalità Ungheria

Nikolay Gryazin, ERC Rally di Roma Capitale - Photo Gregory Lenormand / DPPI

Il pilota russo Nikolay Gryazin non prenderà il via al Rally Estonia dopo che gli è stato negato l’ingresso nel paese da funzionari governativi a causa dell’invasione russa dell’Ucraina, una decisione che il Rally Estonia sostiene pienamente.

I ministri estoni hanno comunicato la loro decisione al direttore del Rally Estonia Urmo Aava, che ha informato il concorrente. L’evento del 14-17 luglio è il primo round del Campionato del mondo di rally a negare l’ingresso a un equipaggio russo.

Aava ha spiegato la decisione, dicendo: “Il ministero dell’Interno estone ha messo al bando gli equipaggi russi, insieme al ministro della Cultura estone [Anneli Ott]. Quando hanno visto l’elenco iscritti, hanno preso la decisione. A causa della guerra in Ucraina, non permettiamo che vengano.

“Quando guardi cosa sta succedendo [in Ucraina] questa è solo una piccola cosa che possiamo fare. Non voglio nascondermi da nessuna parte quando si tratta di queste decisioni. Chi ha il potere di realizzarli? Il governo e il governo ha preso la decisione: gli equipaggi russi non verranno in Estonia”.

Gryazin e il copilota Konstantin Aleksandrov (anche lui russo) avevano gareggiato sotto la bandiera dell’atleta neutrale autorizzato (ANA) e intendevano guidare la loro solita Škoda Fabia Rally2 evo gestita da Toksport nell’evento di Tartu.

Il 24enne russo è terzo nella classifica WRC2 dopo aver iniziato quattro rally e aver vinto il Rally d’Italia. Gli equipaggi WRC2 contano i loro migliori sei punteggi da sette partenze.