Mikkelsen davanti a Lukyanuk a metà della seconda tappa del Rally de Fafe e Felgueiras

Dopo l’uscita di scena di Dani Sordo la battaglia è tra il norvegese e il campione in carica

rally fafe felgueiras mikkelsen

Andreas Mikkelsen, Toksport WRT, portrait during the 2021 FIA ERC Rallye Serras de Fafe e Felgueiras - Photo Grégory Lenormand / DPPI

Il Rally Serras de Fafe e Felgueiras è combattutissimo dai piloti del FIA European Rally Championship, che hanno appena chiuso la prima parte della seconda tappa. Nella PS9, Andreas Mikkelsen (Toksport WRT) ha preceduto Miko Marczyk (ORLEN Team), con Alexey Lukyanuk (Saintéloc Junior Team, nella foto) subito dietro.

Dani Sordo (Team MRF Tyres) ha vinto la PS10 “Sta Quitéria” per appena 1 decimo su Lukyanuk, che si è avvicinato a Mikkelsen, con Marczyk vicinissimo. Il pilota della Skoda Fabia Rally2 Evo ha poi preceduto di nuovo il russo nella PS11 “Montim” per 1,2 secondi, allungando ancora nella “Lameirinha” con il celebre salto Pedra Sentada.

Mikkelsen qui ha preceduto Sordo e Nil Solans (Rallye Team Spain), con la Citroen C3 Rally2 di Lukyanuk arrivata con 7,4 secondi di ritardo. “É andata bene, l’ultima volta che ero venuto qui mi ero capottato – spiega Mikkelsen – Ho cercato di non correre rischi e tenere il ritmo, mi sto divertendo”.

Terzo Armindo Araújo, che continua a precedere il rivale diretto Bruno Magalhães (Hyundai i20 N Rally2 – Team Hyundai Portugal) nella classifica portoghese, anche perché quest’ultimo ha lamentato un assetto troppo morbido. Top five per Solans, seguito da Norbert Herczig (Skoda Rally Team Hungaria), Erik Cais (Yacco ACCR Team – Ford Fiesta Rally2) e Yoann Bonato.

Marczyk è salito al nono posto superando Benito Guerra, dato che il messicano è andato lungo ad un bivio. Ricardo Teodósio è 11°, mentre Sordo, rientrato in azione dopo l’incidente di ieri, nella PS9 ha perso il paraurti della sua Hyundai i20 R5, prendendo comunque il 13° posto dietro al leader ERC2, Javier Pardo (Suzuki Motor Ibérica), dopo aver passato Miguel Correia. Alberto Battistolli completa la top 15 con dietro José Pedro Fontes e Joan Vinyes, che ha forato nella PS12. In ERC2, Dmitry Feofanov è salito secondo passando Pardo e Vinyes, con Victor Cartier fermo nella PS10 per un guasto alla pompa della benzina. Pep Bassas resta davanti a Jean-Baptiste Franceschi in ERC3, Pedro Almeida è terzo. Gli italiani Bentivolgio, Campedelli e Scandola viaggiano in 27esima, 28esima e 29esima posizione.