Torna la Morano-Campotenese, ottavo round del Tricolore velocità montagna

La gara è stata presentata oggi dagli organizzatori della Morano Motorsport

Morano Campotenese

Denny Zardo ( Norma M20FC #12), alla Morano-Campotenese

Dopo lo stop dello scorso anno e i rinvii di pochi mesi fa, torna con la decima edizione la Salita Morano – Campotenese, che dal 6 all’8 agosto prossimi sarà l’ottavo round del Campionato Italiano Velocità Montagna, con validità per la serie cadetta Trofeo Italiano Velocità Montagna sud. La gara è stata presentata dagli organizzatori della Morano Motorsport, presso la Sala Consiliare San Bernardino del caratteristico centro cosentino annoverato tra i “Borghi più belli d’Italia”, alla presenza dei rappresentanti della locale Amministrazione, in collegamento hanno partecipato il deputato Massimo Misiti, Gianluca Gallo assessore Politiche Agricole della Regione Calabria ed i dati tecnici sono stati illustrati dal direttore di gara Fabrizio Fondacci.

“Ripartiamo dopo un anno di stop forzato e desideriamo farlo per come merita la nostra gara, che affonda le sue radici in una storia prestigiosa – ha detto Mario Arceri -. I nostri sforzi uniti a quelli dei nostri partner sono rivolti verso il futuro della gara, attraverso la quale speriamo di avere un dialogo sempre più integrato e costruttivo con le realtà pubbliche e private, verso un obiettivo comune che è la crescita dell’intero territorio grazie alla promozione indotta dallo sport che amiamo”.

La Salita Morano Campotenese, organizzata in collaborazione con l’Automobile Club Cosenza presieduta da Ernesto Ferraro, è un evento sportivo molto efficace per la promozione del territorio, grazie all’elevata partecipazione diretta, anche se per adesso non presente sul campo, di un pubblico vario ed appassionato, lo hanno sottolineato tutte gli intervenuti. La Salita Morano – Campotenese è inserita in una fase della massima serie tricolore Aci Sport determinante ai fini delle sorti del tricolore montagna. “Siamo al fianco degli organizzatori a cui va la nostra gratitudine e la nostra ammirazione per la competenza con la quale hanno garantito alla nostra gara di tornare al centro della scena sportiva. L’abnegazione e l’impegno hanno rilanciato quella che per tutto il territorio è una leva promozionale importante e soprattutto valida”, ha commentato Mario Donadio, in rappresentanza dell’amministrazione di Morano.

“Sarò personalmente presente alla gara anche per colmare l’assenza in sala di oggi – le parole di Massimo Misiti -. Un evento dell’intera Regione motivo d’orgoglio e di entusiasmo. Gli organizzatori continuano a lavorare con impegno e competenza e questo consente di poter portare la gara di Morano anche all’attenzione di ambienti amministrativi nazionali, oltre che regionali”.

“La Morano – Campotenese è un evento di particolare importanza per l’intera Regione, un evento che si basa su un’organizzazione solida ed appassionata – ha sottolineato Gianluca Gallo, assessore alle Politiche Agricole della Regione Calabria -. É un piacere poter partecipare alla presentazione di una gara apprezzata a livello nazionale. Mi farò portavoce in Regione delle esigenze operative più immediate degli organizzatori ed insieme lavoreremo per il futuro”.

La parte più tecnica è stata illustrata dal direttore di gara Fabrizio Fondacci. La competizione avrà luogo sulla strada provinciale 241 (Ex SS 19) con partenza dal chilometro 37,5 ed arrivo al chilometro 30,4 presso Galleria “Le Teste”. Il percorso, della lunghezza di 7,1 chilometri, da effettuarsi su 2 sessioni di gara. Il tracciato presenta un dislivello tra partenza ed arrivo di 533 metri con pendenza media del 5,33%. Il weekend entrerà nel vivo venerdì 6 agosto con le operazioni preliminari previste nel pomeriggio, sabato 7 le due salite di ricognizione dalle 9.30. Domenica 8, le due gare con start alle 9.30 e gara 2 in live streaming e live su Aci Sport TV (228 Sky). Sono 80 i commissari di percorso impiegati con 40 postazioni radio; cinque i mezzi di soccorso meccanico, stesso numero per i mezzi di soccorso sanitario avanzato con medico; sono 3 i mezzi di intervento veloce con 1 team di decarcerazione e 1 di estricazione.