WRC, la GR Yaris non correrà il mondiale 2021 a causa del Covid-19

Nel 2021 la casa giapponese continuerà a puntare sull’attuale modello. I dati raccolti con la GR Yaris, saranno utilizzati per la preparazione della Rally 1 del 2022

gr yaris

La GR Yaris non correrà il mondiale FIA WRC 2021. E la causa è la pandemia da Covid-19 che ha colpito il mondo. A darne notizia è la stessa Toyota, che continuerà anche per la prossima stagione a schierare la versione attuale della Yaris WRC. Il lavoro svolto fino ad oggi con la nuova macchina, sarà utilizzato per sviluppare quella del 2022.

L’obiettivo di Toyota era quello di sostituire l’attuale modello con la GR Yaris già dal prossimo anno, ma lo stop ai test a causa dell’emergenza sanitaria ha fatto saltare i piani della casa giapponese, che dopo il lancio sul mercato del nuovo modello di Yaris, avrebbe affrontato la prossima stagione con la nuova GR. I dati raccolti durante i test pre-lockdown con la GR Yaris WRC, serviranno per la preparazione della Toyota Rally 1 del 2022.

A spiegare nel dettaglio il motivo della scelta di Toyota è il team principal Tommy Makinen: “Uno dei motivi (del rinvio ndr.) è che le normative attuali prevedono che siano necessarie 2500 omologazioni (auto di produzione ndr.) e questa è un obiettivo molto difficile in questo momento di crisi – ha detto a DirtFish.com. È stata ovviamente una grande delusione per tutti, direi soprattutto tutte le persone che lavoravano sulla macchina, vedendo il potenziale, tutti volevano vedere l’auto in gara. Ma hanno anche capito che è solo un anno e, allo stesso tempo, sapevamo che i regolamenti del 2022 sono vicini e dobbiamo concentrarci anche su quelli”.

Il quattro volte campione del mondo ha ammesso che l’approccio sarebbe stato diverso se la pandemia fosse arrivata 12 mesi dopo e avesse minacciato l’auto del 2022, che sarà l’auto di Toyota per il prossimo ciclo di omologazione di cinque anni.