Movisport a podio con Maselli al “Val d’Orcia”

Podio per Movisport con Andrea Maselli e Milena Danese al Rally Val d’Orcia su Hyundai i20 R5 del Team Berinini

Un altro week end da protagonisti, alla penultima prova “Raceday” con il sanremese andato a podio con una prestazione di spessore. Sfortunati Hoelbling e Bentivogli.

La terra senese della Val d’Orcia, della penultima prova della serie “Raceday”, ha regalato a MOVISPORT un nuovo ed esaltante momento di gloria. Lo scorso fine settimana all’11° Rally Val d’Orcia, a Radicofani (Siena) è arrivato ancora un podio, con la terza posizione di Andrea Maselli e Milena Danese e la loro Hyundai i20 R5.

Una prestazione cristallina, quella di Maselli, alla sua prima vera stagione di gare dopo il rientro operato (assente dal 2009) due anni fa, cui hanno seguito poche gare su asfalto. Decisamente sempre tra i protagonisti assoluti della gara senese, terra da veri intenditori, Maselli ha tratto il massimo possibile dalla Hyundai di Bernini Rally, con la quale il feeling è in continuo crescendo, così come il dialogo con la copilota Milena Danese, con la quale si è formato un binomio di grandi prospettive.

Terza piazza finale, dunque, e grande rilancio nel campionato che finirà a metà marzo in Valtiberina, con la quarta posizione provvisoria conquistata in un ranking tutto da giocarsi proprio all’ultimo tuffo, dove non saranno certamente esclusi colpi di scena, come nelle trame dei migliori film d’azione.

Sfortunata, invece, la parentesi di Bruno Bentivogli. Terzo di gruppo N, alla fine, il driver di Meldola, dopo una gara sofferta soprattutto per problemi di ammortizzatori, che non lo hanno certo favorito con la sua vecchia Subaru Impreza, affiancato da Cecchi. Purtroppo Bentivogli, ad una gara dal termine si trova fuori dai giochi per la conquista del titolo del Gruppo N nella serie Raceday.

Da favorito d’obbligo, sulla scorta delle passate performance all’ombra della torre di Ghino di Tacco, l’edizione 2020 del “Val d’Orcia” ha invece detto male a Luca Hoelbling, con coppia con Fiorini, su un’altra Hyundai i 20 R5. Purtroppo un problema al cambio lo ha fermato nelle prime battute di gara.

Infine, Baruffa-Rosa, con la Peugeot 208 R2, hanno terminato in 12^ posizione di classe.