Adria Rally Show, l’evento sarà trasmesso in diretta tv

Il primo grande evento dell’anno sarà interamente trasmesso su AutomotoTV

adria rally show tv

Un’altra settimana di iscrizioni aperte, sino a venerdì 7 febbraio, per l’Adria Rally Show. Tanto fermento, tanto interesse per un appuntamento che si annuncia particolarmente avvincente e ricco di incentivi. Incentivi come quelli dati dall’imponente programma “televisivo”, messo in atto per l’evento in programma per il 15 e 16 febbraio all’Adria International Raceway, in provincia di Rovigo.

La gara sarà seguita in diretta televisiva sul canale specializzato AutomotoTV (Canale 228 DGT), in orari e modalità che saranno definiti nell’immediata vigilia della gara. Vi sarà inoltre la diretta streaming sui canali “social” ed anche Youtube dell’autodromo. Sarà un lavoro molto articolato, un impegno di spessore, prodotto da “Formula X”. Nove telecamere lungo tutto il tracciato che, per la particolare conformazione della pista, permette una visione pressoché totale delle sfide e del loro spettacolo. Oltre alle evoluzioni in pista, nelle PS, sono previsti anche momenti di interviste nel paddock per i partecipanti. Il lavoro organizzativo dell’evento passa dunque sempre più dall’idea di dare sostegno di immagine e comunicazione a chi corre, gratificando coloro che hanno voluto accettare la sfida nell’autodromo veneto. I canali social dove sarà possibile seguire l’evento sono: Instagram; Facebook e Youtube “Adria Raceway”.

LA SFIDA

Adria Rally Show è l’ideale “ponte” tra una stagione da poco terminata ed un’altra che sta muovendo i primi passi. Quasi 60 chilometri di percorso totale, dei quali 56 di distanza competitiva, punteggiati da cinque prove speciali. Cinque sfide con il cronometro di adrenalina pura, di spettacolo in un impianto, quello dell’autodromo veneto, che pare fatto apposta per accogliere i rallisti, grazie alle proprie strutture modulabili per ogni esigenza sia agonistica che anche di immagine. Lo farà accogliendo vetture in configurazione rally di tutte le classi, comprese le auto storiche, diventando l’appuntamento ideale per diventare un test per coloro hanno già disegnato un programma sportivo nel 2020 ed un’occasione imperdibile per presentare la stagione per team, concorrenti, case costruttrici.

Grande interesse suscitato dalla kermesse sportiva, dopo le prime comunicazioni diffuse, con le quali si è subito capito la filigrana di valore che ha, andando a coniugare agonismo e spettacolo, con alcune particolarità proposte per la prima volta, come la “Qualifying Stage” studiata per rendere ancora più avvincente e scenografica la sfida con i piloti “prioritari” e le supercar delle classi WRC; R5; Rgt; Super 2000. QUI IL DETTAGLIO DELL’EVENTO.