WRC: Tanak, Ogier e Neuville riaccendono la sfida mondiale

Il campione del mondo non si sbilancia. E spiega che per difendere il titolo dovrà vedersela almeno con due piloti

ott tanak wrc numeri

Ott Tanak, Toyota Gazoo Racing WRT - Jaanus Ree/Red Bull Content Pool

Il campione del mondo Ott Tänak ammette di non avere idea di cosa aspettarsi in vista del prossimo rally di Montecarlo. Il passaggio dalla Toyota Gazoo Racing alla Hyundai Motorsport, ha dato il via al walzer dei sedili nel WRC, terminato con cinque piloti di prima linea che si preparano per la prossima stagione con nuovi team.

Tänak dovrà adattarsi velocemente alla i20 World Rally Car del produttore coreano sulle strade di montagna delle Alpi francesi. Ma non fa previsioni: “Dobbiamo prima correre per scoprire dove siamo rispetto agli altri. Tutto è abbastanza imprevedibile. Questo di sicuro non sarà un anno noioso. Saranno almeno due i contendenti al titolo (Thierry Neuville e Sébastien Ogier), ma forse ci sono più piloti che vorranno combattere”.

Ogier ha preso il sedile della Toyota Yaris di Tänak. Il francese è affiancato in squadra da Elfyn Evans e dal giovane Kalle Rovanperä. E mentre parla di chiudere la sua carriera nel WRC, pensa al settimo titolo per un terzo costruttore diverso. Ogier è un maestro del Montecarlo, avendo vinto le ultime sei edizioni e sette in totale. Ma nonostante abbia perso la sua corona mondiale l’anno scorso dopo sei titoli consecutivi, rimane il favorito.

“Mi sono preparato come ho sempre fatto – ha detto Ogier -. Non è cambiato nulla, ma ovviamente combatteremo duramente per riconquistare il campionato. Siamo ancora gli stessi di prima e, semmai, il fatto di non aver vinto l’anno scorso ci ha solo procurato più fame per riuscirci”.

Un altro connazionale e rivale è Sébastien Loeb, altro maestro del Montecarlo, con sette vittorie rally. Loeb con Thierry Neuville e Tanak formano la squadra di Hyundai Motorsport. Esapekka Lappi ha sostituito Elfyn Evans sulla Fiesta di M-Sport Ford, che schiererà anche Teemu Suninen e Gus Greensmith.