Tris di successi per il cerdese Totò Riolo al Rally del Tirreno

L’equipaggio palermitano ha conquistato la gara messinese organizzata dalla Top Competition

rally tirreno

Tris di successi per il cerdese Totò Riolo e Gianfranco Rappa su Skoda Fabia R5 al 16° Rally del Tirreno. L’equipaggio supportato da CST Sport ha centrato il terzo successo in carriera nella gara messinese. Una gara estremamente impegnativa che ha visto l’equipaggio palermitano battagliare sul filo dei secondi contro i veloci Alessio Profeta e Sergio Raccuia, anche loro su Skoda Fabia R5. La zampata del Gioielliere Volante è arrivata durante il secondo giro di prove, dove, grazie ad un perfetto setup fornito dalla Pool Racing, è riuscito a riportarsi in testa e distaccare leggermente i giovani rivali. La conferma della vittoria è arrivata solo sull’ultimo tratto cronometrato, quando gli avversari hanno accumulato trenta secondi di ritardo in seguito ad un’uscita di strada.

“La notte del Tirreno regala sempre emozioni indescrivibili e, come ogni anno, la gara si è decisa solo al fotofinish – ha detto un entusiasta Riolo sul podio di Saponara – Una errata scelta di assetto durante il primo giro di prove ci aveva fatto tribolare, ma i ragazzi della Pool Racing sono stati fantastici nell’assecondare perfettamente tutte le mie richieste durante l’assistenza. Da lì abbiamo migliorato costantemente le nostre prestazioni, riuscendo quindi a conquistare la terza vittoria assoluta su queste strade. Un plauso agli organizzatori e al pubblico locale che ha letteralmente assiepato tutte le prove speciali del Rally“.

Classifica Finale: 1) Riolo S.-Rappa G. su Skoda Fabia R5 in 52’10.40; 2) Profeta A.-Raccuia S. su Skoda Fabia R5 a 41.9; 3) Beccaria M.-Arlotta D. su Renault Clio S1600 a 2’59.8; 4) Nucita G.-Messina M. su Renault Clio R3 a 3’02.9; 5) Bruno A-Giacobbe M. su Renault Clio R3 a 3’07.1

HISTORIC RALLY

Seppur al debutto sui selettivi asfalti del Messinese e alla prima uscita stagionale, Domenico “Mimmo” Guagliardo si è aggiudicato agevolmente il 3° Tirreno Historic Rally, appuntamento ammantato dal fascino della disputa in notturna e valido per il Trofeo 4° zona (Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Sicilia, Sardegna) e per il Campionato Siciliano Rally Autostoriche. È stato un vero e proprio assolo quello dell’eclettico pilota-preparatore palermitano che, assistito alle note da Francesco Granata e pur chiamato a testare una rinnovata Porsche 911/Sc, ha svettato in tutte le otto prove speciali effettivamente disputate delle nove in programma (la frazione d’apertura è stata annullata per un incidente), recitando il ruolo di battistrada dallo start fino alla bandiera a scacchi e guadagnando tanto la vittoria assoluta quanto la vetta del 3° Raggruppamento.

Gugliardo-Granata, Porsche 911 SC

“Dedico la vittoria a mia madre, ricoverata in ospedale e che raggiungerò quanto prima. Ringrazio, altresì, tutta la squadra per l’impegno profuso e la scuderia Island Motorsport – ha commentato Guagliardo all’arrivo – In merito alla prestazione vera e propria, invece, abbiamo registrato risposte eccellenti per quel che riguarda sospensioni, telaio e regolazioni varie alla ciclistica; un po’ meno soddisfatti delle modifiche apportate al motore che, pur facendo il suo, non ha reso come sperato alla vigilia. Dobbiamo lavorarci ancora un po’, ma rimaniamo fiduciosi perché ha un potenziale molto elevato”.

Classifica finale 3° Tirreno Historic Rally: 1. Guagliardo-Granata (Porsche 911/Sc) in 51’09”5; 2. Di Lorenzo-Cardella (Porsche 911/Sc) a 2’19”8; 3. Spinnato-Mellina (Porsche 911/Sc) a 4’35”7; 4. Guarducci-Bazzani (Bmw M3) a 5’02”5; 5. Galletta-Marino (Renault 5 Gt Turbo) a 5’23”3; 6. Palmisano-Averna (Bmw 2002 TI) a 5’35”1; 7. Romano-Speciale (Lancia Beta Montecarlo) a 9’15”2; 8. Marino-Marino (A/112 Abarth) a 12’20”1; 9. Ferreri-Polizzi (Fiat 850 Special) a 25’47”7.