WRC, Sébastien Ogier sarà presente al Repco Rally New Zealand con la Toyota GR Yaris Rally1

Dopo 54 vittorie nel WRC in 19 diversi rally in tutto il mondo, torna in uno dei pochi luoghi in cui non ha mai assaporato la vittoria

Ogier

Sebastien Ogier of France poses for a portrait during the first stop of World Rally Championship in Monte Carlo, Monaco on January 20, 2022. // Joerg Mitter / Red Bull Content Pool

L’otto volte campione del mondo, Sébastien Ogier ha confermato che parteciperà al Repco Rally New Zealand di questo mese.

Il campione del mondo in carica dalla Francia, che quest’anno ha corso part-time per il suo team Toyota Gazoo Racing nel Campionato del mondo di rally FIA, è desideroso di tornare a uno dei suoi rally preferiti del calendario mondiale. L’undicesimo round del Campionato del mondo di rally FIA 2022 torna in Nuova Zelanda per la 32esima volta e la prima volta in 11 anni, in scena ad Auckland e dintorni dal 29 settembre al 2 ottobre.

Ogier farà il suo quarto inizio di stagione e, dopo 54 vittorie nel WRC in 19 diversi rally in tutto il mondo, torna in uno dei pochi luoghi in cui non ha mai assaporato la vittoria.

“Il rally della Nuova Zelanda era in cima alla lista dei rally che volevo fare quest’anno – ha detto Ogier-. Ho fatto questo rally solo una volta prima. Il rally in sé è davvero bello. Le tue strade sono una delle migliori al mondo per i rally. E mi sono innamorato della natura varia e bella del paese”.

Ogier è stato coinvolto in uno dei traguardi più leggendari nella storia del Rally della Nuova Zelanda nel 2010, quando era a portata di mano della sua prima vittoria nel WRC. Il francese era in vantaggio di oltre sei secondi all’inizio della fase finale sull’iconica tappa della Whaanga Coast vicino a Raglan, quando è andato in testacoda a tre curve dal traguardo, regalando la vittoria al finlandese Jari-Matti Latvala, ora il suo capo squadra alla Toyota-Gazoo Racing.

Nonostante abbia gareggiato meno spesso quest’anno, Ogier non ha perso nulla del suo desiderio di successo in Nuova Zelanda e ricorda vividamente la sua esperienza del 2010.

“È stato difficile riprenderlo nel 2010 perché stavo inseguendo la mia prima vittoria. È sempre un passo molto importante nella tua carriera. Sono stato fortunato che tre settimane dopo ho ottenuto la mia prima vittoria al Rally del Portogallo, quindi non ho dovuto aspettare troppo a lungo.

“Ci sono ancora degli affari in sospeso in Nuova Zelanda e un altro motivo per tornare. Anche se non gareggio a tempo pieno, mi aspetto di essere competitivo e spero di ottenere più vittorie in futuro”.

La chiave per Ogier sono le strade sterrate uniche in questo paese.
“Le strade da rally in Nuova Zelanda sono magiche da guidare. In Europa non abbiamo questo camber sulle strade dove stai ballando lungo la strada e ha un bel flusso da guidare. È così attraente per un pilota di rally”.

Il presidente del Rally New Zealand, Peter Johnston, ha affermato che l’organizzazione è onorata di ospitare Ogier all’evento.

“Siamo entusiasti che Sébastien abbia scelto di tornare a correre in Nuova Zelanda-, ha detto Johnston-. Ci vantiamo delle nostre strade, dei nostri paesaggi e della nostra gente, ma è un vero onore sentirlo da una delle leggende assolute di questo sport come il motivo per cui sta tornando.”