Il Liburna Terra entra nel vivo, nove prove speciali e lo start con l’inedita “Tenuta di Cannetto”

L’ultimo appuntamento del CIR e del CIR Terra entra nel vivo

liburna terra

Il podio del Liburna Terra 2019

La 12° Liburna Terra e il 1° Liburna Cross Country stanno entrando nel vivo con l’apertura delle iscrizioni avvenuta nei giorni e che si chiuderanno il 27 ottobre. Quindi tutto pronto per le manifestazioni sotto l’attenta organizzazione della Scuderia Livorno Rally che ha messo in piedi le due gare in un evento di alto livello tecnico sfruttando le proprie competenze e professionalità per offrire una gara indimenticabile dall’alto contenuto tecnico e spettacolare degna delle titolazioni avute.

La manifestazione in cui si incroceranno i protagonisti del Campionato Italiano Rally Sparco 2021 e quelli del Campionato Italiano Terra oltre che quelli del Rally Cross Country solcheranno ancora una volta strade che oltre ad essere conosciute al mondo per aver “ospitato” negli anni settanta/ottanta il Mondiale Rally con il Sanremo, sono anche indiscutibilmente tecnicamente apprezzate passando attraverso luoghi suggestivi e incantevoli.

Infatti alle usuali e consolidate prove speciali Serraspina e Ulignano che nelle recenti edizioni hanno avuto ampi consensi si uniranno la famosa Riparbella “mondiale” e l’inedita Tenuta di Canneto. Un quartetto di tratti cronometrati in cui i conduttori si daranno battaglia senza esclusione di colpi.

Un programma intenso quello previsto per le manifestazioni che inizierà con le ricognizioni autorizzate giovedì 4 novembre e proseguire nella stessa giornata con le verifiche tecniche riservate ai piloti prioritari ed iscritti al CIR-CIRT mentre il giorno successivo saranno previste le verifiche tecniche per tutti gli altri equipaggi. Base logistica sarà l’ampio e pratico spazio l’Incubatore d’Impresa di via Boccioni a Peccioli. Sempre nella giornata di venerdì 5 novembre, nella mattinata, previsto lo shakedown in località Cozzan. La gara partirà nella stessa giornata alle ore 14 con l’effettuazione dell’inedita prova spettacolo denominata “Tenuta di Cannetto” e quindi passerella nel favoloso contesto di Piazza dei Priori di Volterra per poi chiudere la giornata con il lungo riordino notturno. La gara vera e propria sarà il sabato con la rientrante prova di Riparbella di 9,21 chilometri (che sarà ripetuta due volte) seguita da quella di Serraspina di 5,62 chilometri e la consolidata Ulignano di 13,08 chilometri (entrambe ripetute tre volte). Riordino e Parco Assistenza a Peccioli.

Nove le prove speciali in programma per la gara valevole per il Campionato Italiano Rally Sparco 2021 Campionato Italiano Rally Terra quindi 76,88 chilometri di tratti cronometrati su un percorso globale di 497,01 chilometri, mentre una prova in meno per la gara titolata per il Cross Country ossia 63,80 chilometri di tratti cronometrati su un percorso globale di 450,13 chilometri.

Oltre le caratteristiche indiscutibilmente riconosciute sia a livello spettacolare che tecnico delle prove, da rilevare che la prova d’apertura prevista venerdì nella Tenuta di Canneto sarà oggetto di una diretta streaming con riprese lungo tutto il percorso ed interviste grazie alla organizzazione di Aci Sport che provvederà anche ad inserire i servizi della manifestazione alla RaiRai Sport e Rai Regione in palinsesti ben precisi e fruibili al grande pubblico.

L’edizione 2019, l’ultima disputata, vide la vittoria per la seconda volta consecutiva, del duo composto dal vicentino Giacomo Costenaro Justin Bardin con la Skoda Fabia R5 aggiudicandosi quattro delle sei prove in programma precedendo l’equipaggio francese composto da Stephane Consani e Valentin Salmon invece su Ford Fiesta R5 che si è aggiudicato le due prove speciali rimanenti. Il terzo gradino del podio è stato appannaggio dei regolari Christian Marchioro e Silvia Dall’Olmo su Skoda Fabia R5 che hanno avuto il loro bel daffare per controllare dapprima Versace poi il giovane Battistolli entrambi su Skoda Fabia R5 con quest’ultimo all’esordio con la vettura ceca. Da rilevare la gara con l’obiettivo l’unico obiettivo di concluderla per Fanari e il compianto Stefanelli che tagliando il traguardo si aggiudicarono RaceDay Rally Terra 2018/2019.

Entusiasmo per le amministrazioni coinvolte nelle manifestazioni che hanno apprezzato il lavoro svolto e la promozione che un evento del genere muove dando un tangibile sostegno all’economia del territorio che nei giorni delle gare ospiterà: Monteverdi Marittimo, Peccioli, Riparbella  e Volterra.

Giacomo Costenaro e Justin Bardin con la Skoda Fabia R5