Finale thrilling al Rally del Sebino, vince ancora Cyril Audirac, sul podio Bendotti e Rivaldi

Il francese è autore di una rimonta incredibile dopo un problema alla frizione del mattino. Secondo un bravo Bendotti mentre il podio è completato da Rivaldi

rally sebino audirac

Cyril Audirac e Vilma Grosso

Al Rally del Sebino suona ancora la marsigliese. Dopo il successo del 2019, Cyril Audirac vince anche la nona edizione insieme a Vilma Grosso su Renault Clio S1600 della Motul Tech. Nulla di scontato o semplice però per una gara che ha vissuto parecchi colpi di scena. Fino ad una prova dalla conclusione infatti, la testa della corsa era saldamente nelle mani del camuno Alan Ronchi che con Mattia Orio (Renault S1600 Top Rally) si era aggiudicato le prime tre prove del mattino ed aveva gestito con criterio le PS4 e 5 giungendo a pochi decimi dall’arrembante “galletto” Audirac.

Una foratura all’anteriore sinistro nel corso dell’ultima prova costata oltre un minuto ha però strozzato l’urlo in gola a Ronchi lasciando così ad Audirac – 39enne di Mougins (tra pochi giorni festeggerà i 40!) la vittoria su un piatto d’argento. In mattinata infatti, dopo tempi importanti, Audirac aveva accusato un guasto alla frizione che gli aveva causato un ritardo di 12”6 ma tre successi nelle ultime tre prove lo hanno riportato a galla fino alla vittoria finale.

“Sono contento per questa gara: siamo stati condizionati dal problema alla frizione ma il team ha svolto un grande lavoro e noi ci abbiamo creduto nonostante, onestamente, credessimo di poter giungere al massimo in seconda posizione. Ci spiace per Ronchi che avrebbe meritato ma le gare sono anche questo”, ha detto Audirac.

Molto bene “Giampy” Bendotti e Giuliano Vaerini che, in vista della partecipazione al Monza WRC che si correrà anche sugli asfalti orobici, hanno sempre tenuto i ritmi ad alto livello chiudendo secondi assoluti a solo 1,2 secondi dalla vetta; dopo il 4° posto al Prealpi Orobiche è sicuramente un piazzamento decisamente positivo: per il pilota di Solto Collina si tratta del secondo podio al Sebino dopo quello del 2018. Anche per il terzo assoluto, il bresciano Fabio Rivaldi, si tratta del secondo podio dopo il 3° posto del 2017: sulla sua Citroen DS3 R3T della Mediaprom Racing, “Rivo” ha tenuto una condotta rapida ed efficace riuscendo a completare con un distacco i 17,2 secondi: è festa per tutto il Gruppo Rallomani Bresciani.

Eccellente prova dei piacentini Elia Bossalini e Harshana Ratnayake che sulla Bmw Racing Start Diesel numero 133 hanno segnato costantemente tempi da top ten assoluta: alla fine per loro un incredibile 4° posto finale che è un ottimo regalo per il pilota che oggi compie 37 anni. Della nuova creatura da 320 cavalli preparata dalla Tecno Sport sentiremo sicuramente parlare ancora. Il trofeo dedicato a Bruno Banaudi DJMcRae è andato ad Emanuele De Lazzari copilota veneto di Elia Stevanato , nato il 9 settembre 2002: è lui il navigatore più giovane al traguardo.

Per il Trofeo Bmw del CFB2 Race Tech la vittoria è andata a Di Novi e Viola che dalla pista ha trovato favorevole il passaggio ai rally; seconda posizione per Ardigò e la Previato mentre il terzo è quello che sorride più di tutti: con questo piazzamento infatti, Andrea Costa e Marco D’Elia sono i vincitori del Trofeo edizione 2021. Dei 110 partiti sono 95 gli equipaggi che sono riusciti a completare la corsa.