É bagarre tra Scandola e Andreucci che passa al comando del San Marino Rally

Terzo dietro Ancdreucci e Scandola, Simone Campedelli con Gianfrancesco Rappa

San Marino Rally

Partito questa mattina il secondo giorno del San Marino Rally all’insegna dei terraioli con Umberto Scandola e Guido D’Amore (Hyundai i20 NG) che si impongono subito sulle speciali 2 e 3. Ma la risposta di Paolo Andreucci e Francesco Pinelli, arriva nella terza speciale, la “Sestino 1”, complice anche un ritardo di Scandola, il pluricampione balza in testa alla classifica generale, davanti al bresciano che ha chiuso la prova in quarta posizione. Terzo nella generale Simone Campedelli con Gianfrancesco Rappa con la Volkwagen Polo R5 a +6.2. Chiudono la top five Giacomo Costenaro e Fabio Andolfi. Solo settimo il campione italiano Andrea Crugnola con la sua vettura coreana di Hyundai Rally Team Italia. In fondo alla classifica Andrea Mazzocchi con la Skoda Fabia R5, protagonista di un testacoda questa mattina. Si ritorna in prova alle 13.18 con la speciale numero 5 “Terra di San Marino 2”.

Tra i ritiri di rilievo arriva quello del portacolori di Aci Team Italia Alessio Profeta navigato da Sergio Raccuia che ha riscontrato problemi al motore della sua Skoda Fabia R5. Out di Nicolò Marchioro che ha piegato un braccetto Renault Clio. Sfortunato Andrea Nucita che ha piegato il posteriore sinistro della sua Peugeot. Nel CIR Junior e in testa al 2 Ruote Motrici, il toscano Mattia Vita è davanti dopo la PS4, in una corsa davvero difficile per tutti gli Under sulle Ford Fiesta Rally4. Seguono Roberto Daprà seguito da Giorgio Cogni.