Al 7° Rally di Roma Capitale la parola ai piloti

Contesto di assoluto prestigio con prove speciali varie, spettacolari ed impegnative, l’alto coinvolgimento di pubblico e la copertura mediatica rendono l’evento di Motorsport Italia tra i più apprezzati a livello internazionale. “Seguito pazzesco” – “Gara esaltante”

Mancano due giorni al via del 7° Rally di Roma Capitale e l’atmosfera della vigilia è sempre più vibrante in attesa dell’inizio dell’evento organizzato da Motorsport Italia, 5° round di European Rally Championship e anche di Campionato Italiano Rally. Contesto di confronto tra i migliori piloti d’Europa e quelli protagonisti del tricolore, con particolare attenzione verso i numerosi giovani che saranno presenti sugli asfalti laziali, sia dell’ERC Junior, sia del CIR Junior, a cui si uniscono gli emergenti del trofeo Peugeot Top.

I commenti della vigilia esaltano l’evento italiano di cui riconoscono l’unicità del contesto e la preminenza al centro della scena on soltanto sportiva. Ecco alcune dichiarazioni dei protagonisti annunciati:

Łukasz Habaj (Pol – Skoda Fabia R5) leader ERC: “Il nostro vantaggio nel campionato è in realtà più grande rispetto a Chris Ingram, ma minore rispetto a Alexey Lukyanuk, la cui velocità è indiscutibile. Se non ha problemi, abbiamo grosse difficoltà a tenere il passo. Abbiamo fatto Rallye Sanremo ad aprile e faremo alcuni test prima del Rally di Roma Capitale”.

Alexey Lukyanuk (Rus – Citroen C3 R5) 2° ERC: “Abbiamo facce sorridenti perché il prossimo evento è il Rally di Roma Capitale. Il risultato in Polonia è stato buono, il ritmo è stato molto buono e siamo stati davvero contenti della vittoria. I punti sono buoni ma l’entusiasmo arriva quando pubblichi buoni tempi e quando vai al limite, controlli le cose e divertiti. Abbiamo un grande lavoro da fare, per Roma, per trovare il miglior assetto possibile per l’asfalto italiano del Rally di Roma Capitale. Fortunatamente abbiamo la squadra e l’ingegnere migliori, quindi dovremmo farcela”.

Emma Falcon (Esp – Citroen C3 R5): “Questo è uno dei rally che più mi piace e mi piace, e il mio team e io abbiamo partecipato. Avere la partenza nel centro di Roma è stupefacente, l’intero percorso è divertente e presenta alcune somiglianze con il Rally Islas Canarias. Questa sarà la mia prima partecipazione a Roma con la vettura R5 e quest’anno è stata la conoscenza dell’auto. Spero che il prossimo anno parteciperemo a più eventi”. 

Andrea Nucita (Fiat Abarth 124): “Il rally di Roma capitale mi carica molto, è un evento di grande spicco e sono orgoglioso che l’Italia abbia una gara così di rilievo e con una organizzazione tanto efficiente. Grazie al supporto della Federazione Italiana ho il privilegio di disputare gare di mondiale e di Europeo, pertanto posso asserire che la gara di Motorsport Italia brilla nel panorama internazionale. Arriviamo al Rally di Roma capitale molto motivati e concentrati. E’ un’occasione importante per rimontare nella classifica RC2, anche se la concorrenza è agguerrita e non regala nulla possiamo essere un pò agevolati dall’assenza degli attuali leader, per cui dobbiamo capitalizzare al massimo la gara. Anche perchè siamo al comando del monomarca Abarth con 11 punti di vantaggio ma non bastano assolutamente, occorre allungare il passo”.

Giandomenico Basso (Skoda Fabia R5) Leader CIR: “Una gara esaltante che abbiamo vinto. Siamo qui a Roma con la metior, squadra con la quale abbiamo corso l’anno scorso proprio questa gara. Nel 2018 abbiamo fatto una buona gara piazzandoci secondi assoluti. Questa volta utilizzeremo le gomme Michelin. La metior sta lavorando bene, noi tutti speriamo di essere fin da subito competitivi. Ringrazio Loran che sta dimostrando ancora una volta con i fatti di credere in noi. Per noi e Loran  è già una grande soddisfazione aver raggiunto i risultati finora ottenuti. Noi ce la stiamo mettendo tutta”.

Luca Rossetti (Citroen C3 R5) 2° CIR: “Per me Roma è una gara tutta nuova. Dopo le ricognizioni potrò dire di più sul percorso. Si prospetta comunque una bella gara con i protagonisti dell’europeo. Dal canto nostro io ed Eleonora siamo carichi per questa nuova sfida. Nel campionato con la Citroen siamo sicuramente una buona posizione a a metà stagione, abbiamo tutte le carte in regola per essere competitivi e dobbiamo certamente solo attaccare.”

Simone Campedelli (Ford Fiesta R5): “ La gara è una di quelle che preferisco e che mi è particolarmente congeniale per l’asfalto, gara molto tecnica.  E’ una manifestazione davvero spettacolare, per quanto riguarda noi in gara dovremo tenere in considerazione l’incognita della vettura nuova, provata solo una volta ma in condizioni di fondo bagnato. La prima sensazione è positiva, la macchina è molto bella, ma vedremo allo shakedown di Venerdì “

Umberto Scandola (Hyundai I20 R5): “Siamo contenti di poter apparire, anche se per una gara soltanto, nel CIR e nell’Europeo. Siamo curiosi di capire il nostro livello con una macchina nuova che ci ha mostrato in questo inizio di stagione di avere grandi potenzialità, ma non l’abbiamo mai usata su asfalto.  San Marino appena concluso è stato per uno una delusione, ma anche un sollievo. Purtroppo la nostra corsa è stata compromessa sin dall’inizio e di questo ci rammarichiamo molto, dato che l’unica prova che abbiamo affrontato a pieno regime l’abbiamo vinta e ci ha fatto capire che avremmo potuto puntare in alto. Il sospiro di sollievo c’è comunque stato, poiché abbiamo risolto un bel problema che non ricapiterà nuovamente. Certamente il Roma Capitale sarà uno spettacolo. Si tratta di una tappa dell’Europeo e nulla sarà lasciato al caso.”

Tommaso Ciuffi (Peugeot 208 R2) leader CIR 2 Ruote Motrici: “Gara molto bella che ci mette a confronto con quelli dell’Europeo, quindi sarà affascinante. Affronteremo Il Roma Capitale con la determinazione e concentrazione di sempre. Vogliamo adottare una corsa in ottica di campionato per puntare a portare a casa il CIR 2 Ruote Motrici come principale obiettivo. La Capitale è un grande palcoscenico, come il Rally Italia Sardegna. Purtroppo lì non è andata bene.  Per quel poco che abbiamo visto non siamo lontani dagli altri giovani internazionali. Anche qui cercheremo di puntare alla gara dell’Italiano, ma allo stesso tempo avremo come riferimento i nostri diretti avversari dell’Europeo. Senz’altro Motorsport Italia sta facendo un gran lavoro. L’itinerario del rally è fantastico, con la partenza unica nel centro di Roma. Anche per i nostri partner si tratta di una grande manifestazione e di un palcoscenico senza paragoni.”

Marco Pollara (Ford Fiesta R2B) leader CIR Junior: “Personalmente considero il Rally di Roma Capitale una delle gare più belle in assoluto con una organizzazione professionale, è una gara di altissimo livello, dove avremo il confronto con i ragazzi del campionato europeo e questo è molto stimolante. Oltre che essere una gara bellissima, è un rally molto complesso per via delle sue prove tecniche ma soprattutto veloci con diverse tipologie di grip e tanti cambi di ritmo.  Ci tengo a far bene, perché essendo in un contesto di un campionato europeo, come ho detto in precedenza, è bello avere dei confronti con i ragazzi provenienti da tante nazioni. Come al solito ho preparato questa gara senza lasciare nulla al caso, anche se la nostra posizione in campionato ci permetterebbe di affrontare la gara in maniera un po’ tranquilla. Infine un ringraziamento va alla Motorsport Italia, Pirelli e aci team Italia per il lavoro e l’impegno messo a nostra disposizione dall’inizio del campionato ed a CST Sport per l’attenta pianificazione dei programmi”-

Antonio Rusce (Skoda Fabia R5): “Ho corso il Rally di Roma nel 2015 e l’anno scorso. E’ sempre stata e lo sarà anche in questa edizione, una gara lunga e molto combattuta con un livello alto di gara incentivato dalla presenza del rally europeo. Noi siamo pronti, torniamo sulla Skoda che è una vettura che ho guidato al Rally Due Valli dell’anno scorso e tre settimane fa al Rally del Raab, una gara test in funzione di proprio di Roma. E’ una rally che mi piace particolarmente e lo spettacolo di Ostia con un pubblico pazzesco.”

Rudy Michelini (Skoda Fabia R5) leader del CIRA: “Una gara impegnativa. In termini di risultato, conquistare punti sarà cosa ardua in quanto i piloti stranieri non risulteranno trasparenti ai fini della classifica. Di conseguenza, non dovremo guardarci solo dai nostri abituali competitor ma da tutti i partecipanti alla gara. Siamo comunque fiduciosi di poter esprimere un potenziale in linea con le nostre aspettative”.

Rachele Somaschini (Citroen DS3 R3): “Abbiamo una gran voglia di riscattarci dopo l’anno scorso nella gara che ci ha viste costrette al ritiro. La gara mi piace molto ma resto comunque concentrata. Cercheremo di mettere in pratica quello che ho appreso fino ad ora al volante della DS3 e di dare il meglio per limare il gap che ci separa agli avversari nonostante il caldo che rimane uno degli ostacoli più grandi.”

(Comunicato Ufficio Stampa Rally di Roma Capitale)