Rally du Condroz, morti una ragazza di 16 anni ed un ragazzo di 18 anni, ecco la ricostruzione dei fatti

Codroz

Incidente mortale Rally du Condroz

Quanto vale una vita umana? Non è la prima volta che ci sono vittime al Rally du Condroz. È andata male anche quest’anno, durante la diciassettesima e penultima prova speciale. L’auto del pilota Emeric Rary e del copilota Fabrice Henry è scivolata fuori strada. L’auto ha colpito un muretto, è atterrata su un fianco dietro il muro e ha colpito alcuni spettatori. (Iscriviti gratuitamente al canale Telegram di Rally Time per ricevere le notizie sul tuo telefono LINK)

Diverse persone sono rimaste ferite nell’incidente e due persone sono decedute. Si tratta di una ragazza di 16 anni di Hannut e di un ragazzo di 18 anni di Huy. Secondo la procura di Liegi, all’epoca dei fatti, si recavano in una casa in strada di cui conoscevano i residenti. “Sono morti sul colpo”, ha detto il portavoce.

Nello stesso luogo per tutto il pomeriggio c’era un gruppo di giovani chiassosi che sono stati ripetutamente rimproverati dall’organizzazione e cui hanno anche chiesto di lasciare il posto perché pericoloso. Le due vittime probabilmente non facevano parte di quel gruppo, ha detto il pubblico ministero in un comunicato stampa. Si sta ora indagando se i due si trovassero o meno in una zona vietata del percorso.

Geert Reynaert di Ledegem era responsabile dei commissari di gara che dovevano assicurarsi il percorso. “I commissari di gara sono andati tre volte a dire al gruppo di andarsene, ma non hanno voluto ascoltare-, dice Reynaert. La postazione 16, appena prima del luogo dell’incidente, è un punto difficile ogni anno. Ecco perché erano presenti cinque commissari di gara. Ma venivano fischiati ogni volta dagli spettatori. Le misure di sicurezza sono rigide, ma cosa possiamo fare se le persone non ascoltano?”

Secondo Reynaert, il muro dava agli spettatori un falso senso di sicurezza. “Se l’auto si fosse fermata contro il muro, questo dramma probabilmente non si sarebbe verificato. Ma l’auto è stata catapultata sopra gli spettatori”.

Il Rally del Condroz è una delle dieci gare del campionato belga e attira ogni anno un vasto pubblico. “È un bellissimo percorso, con colline e foreste”, afferma Reynaert. “Ma c’è anche molto alcol che scorre. Ogni villaggio dove passa il raduno sembra essere una festa nazionale. Bancarelle di bevande sono ovunque vicino al corso. In altri raduni, quelle tende per cibo e bevande sono molto più lontane”.

Nell’incidente è rimasto ferito il pilota dell’auto. È stato portato in ospedale con il suo copilota, ma non si diceva che fossero in pericolo di vita. La causa dell’incidente non è ancora nota. Secondo le informazioni della città di Huy, è stato fatto tutto il possibile per garantire la sicurezza durante la manifestazione.

La manifestazione è stata annullata subito dopo l’incidente. Annullata anche la premiazione. La procura di Liegi ha avviato un’indagine ed è stata allestita una cellula di crisi nell’ospedale di Huy.

Durante il Raduno del Condroz, le persone sono state uccise prima. Nel 2018, un copilota è morto quando la sua auto è scivolata fuori strada e si è schiantata contro un palo. Nel 2011 due spettatori sono morti in un tragico incidente. L’auto del pilota Erik Moree è poi uscita di pista e ha colpito una panchina di cemento. Fu catapultato tra la folla. Una donna di 25 anni e una donna sulla cinquantina sono rimaste uccise.

Forse l’incidente più famoso tra il grande pubblico è quello del 2003 in cui rimase ucciso un ragazzo di 15 anni. Poi un’auto è uscita di strada ed è scivolata tra il pubblico.