Rally Valli della Carnia 2022, sfida spettacolo tra Ampezzo e dintorni

Finalmente curiosi e appassionati potranno tornare a godersi lo spettacolo della prova di Voltois, l’inedita speciale di Avaglio, le varianti sulle classiche di Lauco e Passo Duron

Rally Valli della Carnia

Un immagine dell'ultima edizione 2019 - Fotosport

Chiudono domani prima della mezzanotte le iscrizioni all’8° Rally Valli della Carnia, in scena tra sabato 2 e domenica 3 luglio, con base ad Ampezzo e tracciato che coinvolge Lauco, Paularo, Socchieve, Tolmezzo, Treppo Ligosullo e Villa Santina. Non c’è quindi un minuto da perdere per inviare il fatidico tagliando al comitato organizzatore di Carnia Pistons mentre procedono febbrili i preparativi alla corsa, appuntamento di Coppa Italia Quarta Zona a massimo coefficiente (1,5). I punti in palio possono essere fondamentali per qualificarsi alla finale nazionale di Coppa Italia, in programma a novembre. Dopo due anni di pandemia, finalmente una moltitudine di curiosi e appassionati potrà tornare a godersi la meraviglia di una gara sempre carica di emozioni, tanto più con due giorni di festa in piazza ad Ampezzo. Nella “capitale” della Carnia le porte sono sempre aperte al rally e i residenti sono i primi sostenitori dell’organizzazione, fattore assolutamente non secondario per l’ormai consolidato successo dell’evento.

Il programma prevede venerdì 1 luglio le ricognizioni autorizzate sul percorso, sabato 2 luglio al mattino lo shake down (test con vetture da gara) a Socchieve, nel pomeriggio la partenza da Ampezzo e in sequenza le prove speciali di “Voltois” (2,20 km, start 18:29 e 21:28), crono spettacolo con diretta su maxischermo, e l’inedita “Avaglio” (4,50 km, start 19:18 e 22:17), tuffo in discesa stressando freni e sospensioni. Dopo il riordino a Villa Santina (sosta di 45’ dalle 19:28), un secondo passaggio al buio montando i fari supplementari. Domenica 3 luglio tripla la razione di “Val di Lauco” (14,44 km, start 8:58, 12:51, 16:44), doppia quella di “Passo Duron” (8,30 km, start 9:52 e 13:45), entrambe rivisitate nel tracciato. La carovana della corsa farà sosta a Tolmezzo per due riordini di 30’ (10:32 e 14:25). Arrivo e premiazioni in piazza ad Ampezzo dalle 17:30. Tra i candidati alla vittoria c’è l’udinese Filippo Bravi, primo l’anno scorso, che punta a una prestigiosa riconferma al volante della Hyundai i20 Rally2 Friulmotor. Avversari di rango altri due vincitori delle passate edizioni, il trevigiano Marco Signor e il pordenonese Dimitri Tomasso, entrambi annunciati con una Skoda Fabia Rally2.