Fiorio Cup, Andrea Crugnola in testa dopo due speciali. Poi Aghini e Scandola

Le prove sono iniziate con due special guest di eccezione: Riccardo Scamarcio e Craig Breen

fiorio cup crugnola

In attesa della prova notturna che  potrebbe essere determinante per la classifica  si sono concluse le prime due prove della Fiorio Cup, formula rallistica sperimentale che si disputa all’interno del comprensorio della Masseria Camarda da oltre dodici anni residenza di Cesare Fiorio e successivamente di Alex Fiorio che di questa inedita sfida è stato l’ideatore coinvolgendo sia l’Aci di Lecce sia la Regione Puglia e il Comune di Ceglie Messapica. La prima giornata prevedeva due prove, una al mattino ed una al pomeriggio, ed una prova in notturna; il percorso di gara una strada in terra di 4 chilometri e 200 metri. Le vetture eguali per tutti, Hyundai i20 R5, e tutte con la medesima gommatura Pirelli. 

Le prove sono iniziate con due special guest di eccezione: Riccardo Scamarcio, grande appassionato di rally, tanto da avere in programma la realizzazione di un film su un campionato del mondo degli anni ’80 e Craig Breen, pilota ufficiale Hyundai Motosport nella stagione mondiale appena conclusa e fresco di firma con M-Sport Ford sotto i cui colori, al volante della nuova Puma, disputerà tutte le gare di Campionato del Mondo nella prossima stagione.

Dopo due prove al comando della classifica c’è Andrea Crugnola, che ha un vantaggio di 6,3 secondi su Andrea Aghini e 7,9 su Umberto Scandola che è stato il vincitore della prima prova ma ha subito una penalizzazione di 10 secondi favorendo così Crugnola che poi ha dilagato nella seconda.

Al quarto  posto la sorprendente Tamara Molinaro, che si è presa il lusso di lasciarsi alle spalle piloti come Miki Biasion e Pierino Longhi che cercheranno di risalire in classifica approfittando della prova in notturna in cui l’esperienza potrebbe avere il suo peso sulla classifica in attesa della prova finale di domenica mattina.

Classifica provvisoria dopo due prove:

  1. Andrea Crugnola  8’ 46”14
  2. Andrea Aghini  + 6”34
  3. Umberto Scandola + 7”92
  4. Tamara Molinaro + 21”21
  5. Miki Biasion + 22”66
  6. Mattia Scandola +25”28
  7. Piero Longhi +34”30
  8. Damiano De Tomaso +1’11”00