Ronde del Gomitolo, 60 gli equipaggi iscritti, ci sono anche Pinzano e Chentre

La gara si correrà sulla prova speciale Tracciolino che verrà ripetuta per quattro volte

Coppa Rally di Zona ronde gomitolo

Elwis Chentre e Fulvio Florean - Skoda Fabia R5

La Ronde del Gomitolo si avvicina; la dodicesima edizione della corsa biellese si terrà infatti nella giornata di domenica 7 novembre sul tratto cronometrato denominato Tracciolino lungo 9,8 chilometri. Saranno sessanta le vetture che si daranno battaglia sull’insidiosa prova speciale che dovrà essere ripetuta per quattro volte e che, a differenza di ciò che accadeva alcuni anni fa per le gare Ronde, non prevede alcuno scarto.

Tra i partecipanti spiccano i nomi di coloro che con vetture di classe R5 si candidano ad un ruolo di sicuro protagonismo: Corrado Pinzano, sebbene costretto al ritiro, ha dimostrato a Modena di essere giunto ad un altissimo livello nazionale e quindi, lui, Marco Zegna e la loro Volkswagen Polo R5, sono di diritto i favoriti d’obbligo non fosse altro che per il fatto di essere pure i beniamini locali. Pinzano è infatti di Borriana, frazione alle porte di Biella. Attenzione però perché a provare il colpaccio ci penserà l’aostano Elwis Chentre che domenica si è laureato vincitore assoluto della Coppa Italia nella finale di Modena che racchiudeva tutti i campioni delle varie zone, con lui, sulla Skoda Fabia R5, ci sarà Massimiliano Bay.

Un altro candidato al successo finale è quell’Ivan Carmellino da Scopa (VC) che insieme alla sorella Marina ha già trionfato da queste parti: furono loro infatti, a vincere il Rally Lana del 2018, per l’occasione utilizzeranno una Polo R5 proprio come Pinzano. Tra gli outsider di lusso è impossibile non citare l’elvetico – di origini comasche – Kevin Gilardoni, dopo aver vinto il Super Trofeo Europa 2021 con Lamborghini, l’allievo di Max Papis torna nei rally insieme a Corrado Bonato su una Skoda Fabia R5. I coniugi locali Lombardi-Bianchetti su Skoda puntano a far bene così come il duo ossolano Bruni-Esposito oltre a Ghelfi-Decadenti.

Nelle altre classi Serini promette spettacolo in N4 (torna alla Mitsubishi dopo una stagione in R5) così come il funambolico “Galet” su Skoda S2000 aspirata; se in R2C Gozzoli sarà l’uomo da battere su Peugeot, il veloce Gianni Barozza, affidabile collaboratore del gruppo organizzatore, tornerà invece ad impugnare il volante di una S1600, la Renault Clio che condividerà con Erika Bologna. Da sottolineare la presenza di un equipaggio femminile: Michela Bettassa e Valentina Aimonino si dileggeranno a bordo di una Fiat Seicento A0.

La gara, giunta alla dodicesima edizione, è organizzata dalla NTT Rally Event, in collaborazione con la scuderia New Turbomark Rally Team. Il rally, dopo lo shakedown di sabato 6 novembre si correrà con le quattro prove che partiranno alle ore 8.12, 11.16, 14.20 e 17.14 di domenica 7 novembre. Conclusione e premiazioni si terranno, in centro a Biella, a partire dalle ore 17.58.