Difficoltà nel reperimento di materiali, stop alla produzione della Skoda Fabia Rally2 Evo

Con una lettera inviata a partner e clienti Skoda Motorsport annuncia la chiusura della produzione della vettura

Rally 2 ibride skoda motorsport

Oliver Solberg e Aaron Johnston, Skoda Fabia Rally2 Evo - Jaanus Ree/Red Bull Content Pool

Skoda Motorsport ha annunciato lo stop alla produzione della Skoda Fabia Rally2 Evo (prima R5). Lo stop della versione di una delle vetture più vincenti della storia, quella con cui Giandomenico Basso e Lorenzo Granai si sono laureati campioni d’Italia 2021, non è dovuto all’arrivo del nuovo modello, la Rally2 in fase di test con Kris Meeke. Le motivazioni sono state spiegate in una lettera firmata dal responsabile Michal Hrabanek e dal boss del programma clienti e indirizzata a partner e clienti di Skoda Motorsport.

“I problemi attuali che l’industria automobilistica mondiale sta vivendo, così come le sue catene d’approvvigionamento a causa della pandemia da Covid, hanno colpito il motorsport in maniera importante”, si legge nella lettera -. Nonostante i nostri sforzi, la mancanza di alcune parti e la mancanza di semiconduttori sta rendendo la produzione sempre più difficile. Queste difficoltà – continua la lettera – stanno colpendo anche la vendita e la distribuzione dei pezzi di ricambio delle nostre auto da rally in tutto il mondo. Al fine di garantire la miglior assistenza ai nostri clienti, siamo stati costretti a prendere la difficile decisione di sospendere la produzione della Fabia Rally2 Evo, quindi non potremmo accettare ulteriori ordini. Apprezziamo molto la vostra comprensione e ci scusiamo per l’inconveniente”.

Skoda Motorsport contatterà invece i clienti che hanno già sottoposto alla Casa degli ordini, in maniera tale da capire come procedere. Le difficoltà di reperimento di materiale per la produzione di alcune componenti quali leghe e componentistica elettronica, da diversi mesi ormai sta accomunando tutti i costruttori di auto, non soltanto da gara ma soprattutto stradali.