Andreas Mikkelsen fa il bis: dopo il WRC2 è anche il campione ERC 2021

Il norvegese si laurea campione europeo una settimana dopo aver vinto il titolo WRC2

Andreas Mikkelsen

Andreas Mikkelsen

AGGIORNAMENTO ORE 23 – PENALITÀ PER GRYAZIN

Nikolay Gryazin ha conquistato la sua seconda vittoria stagionale al Rally Hungary, ma ad Andreas Mikkelsen è bastato il settimo pesto per laurearsi campione ERC 2021. Il pilota della Sports Racing Technologies, al volante della Volkswagen Polo GTI R5 condivisa con Konstantin Aleksandrov, nella seconda tappa di Nyíregyháza ha solamente dovuto gestire la situazione, con il solo brivido corso stamattina quando il team ha dovuto sostituire nei 15 minuti di servizio la frizione.

Per Mikkelsen il titolo ERC era il secondo obiettivo stagionale, dopo aver centrato la corona nel WRC2 domenica scorsa. “Chiaramente il mio obiettivo ad inizio stagione era di vincere il titolo, per cui sono molto contento – ha detto l’alfiere della Toksport WRT – Sapevo che non sarebbe stato semplice, con tutti questi piloti forti, ma siamo andati bene, guidando come si deve e prendendo i punti necessari”.

“Dopo il Mondiale è ovviamente il miglior titolo che uno può vincere, è uno dei risultati più belli della mia carriera – ha aggiunto Mikkelsen -. Non credo che nessuno sia riuscito a prendersi WRC2 ed ERC nello stesso anno, è stata molto dura, ma ho creduto nella Toksport WRT e in Skoda, che mi ha dato l’auto da battere. Toccava a me e al mio co-pilota fare il resto del lavoro e credo che ci siamo riusciti benissimo. È stata una stagione fantastica. Ho pensato prima della stagione che probabilmente sarebbe stato più difficile per me vincere delle gare in ERC che in WRC2. Ripensandoci, è stato così. I ragazzi nell’ERC vanno fortissimo e devi davvero spingere al limite se vuoi lottare per la vittoria. È stato difficile mantenere il loro passo”.

Mads Ostberg (TRT Citroen Rally Team Hungary) ha combattuto strenuamente dopo i problemi, rimontando fino al secondo posto, mentre András Hadik ha perso il podio nell’ultima PS a favore di Miko Marczyk (ORLEN Team), prendendosi però il titolo magiaro. Top five per Efrén Llarena (Rallye Team Spain), che precede appunto Mikkelsen, Simone Campedelli (Team MRF Tyres) ed Erik Cais (Yacco ACCR Team). In top ten troviamo pure Yoann Bonato (CHL Sport Auto) e Miklós Csómos.

Javier Pardo (Suzuki Motor Ibérica) vince ancora in Classe ERC2 con la sua Swift Rally2 Kit ed è sempre più vicino al titolo del FIA ERC2. Sami Pajari (M-Sport Poland) ha invece battuto il compagno di squadra Jon Armstrong in ERC3/ERC3 Junior con la Ford Fiesta Rally4. Già campione nel FIA Junior WRC la scorsa settimana, Pajari è vicino all’analogo titolo ERC. Col terzo posto, Jean-Baptiste Franceschi (Renault Clio Rally4) è sempre più vicino al titolo ERC3 Junior, ma anche dell’ERC3, dato che Pep Bassas (Rallye Team Spain – Peugeot 208 Rally4) è andato ko dopo essere ripartito oggi. Dariusz Poloński centra il quinto successo dell’anno in Abarth Rally Cup, con Paulo Soria che svetta nel Clio Trophy by Toksport WRT, dove Andrea Mabellini si laurea Campione con la sua Renault Clio Rally5.

L’idolo locale Norbert Herczig era secondo, ma è andato a sbattere rovinosamente in mattinata, con il suo co-pilota Ramón Ferencz che ha riportato un infortunio alle costole. Nonostante avesse completato la Qualifying Stage nei primi 15, Nil Solans (Team MRF Tyres) non è riuscito a partire causa problema tecnico accusato dalla sua nuova Hyundai i20 N Rally2. Due forature hanno messo invece ko l’italiano Umberto Scandola (Hyundai Rally Team Italia), escluso per aver provato a raggiungere su tre ruote il parco assistenza. Frigyes Turán ed Ádám Velenczei si sono fermati nella PS7, con Ken Torn (Ford Fiesta Rally3) fuori nella PS8 per la rottura dell’alternatore.

CLASSIFICA FINALE DEL RALLY HUNGARY TOP 15
1 Nikolay Gryazin (LVA)/Konstantin Aleksandrov (LVA) Volkswagen Polo GTI R5 1h38m06.2s
2 Mads Ostberg (NOR)/Torstein Eriksen (NOR) Citroen C3 Rally2 +37.2s
3 Miko Marczyk (POL)/Szymon Gospodarczyk (POL) Skoda Fabia Rally2 Evo +59.0s
4 András Hadik (HUN)/Krisztián Ketrész (HUN) Ford Fiesta Rally2 +1m03.3s
5 Efrén Llarena (ESP)/Sara Fernández (ESP) Skoda Fabia Rally2 Evo +1m51.3s
6 Simone Campedelli (ITA)/Tania Canton (CHE) Skoda Fabia Rally2 Evo +1m59.0s
7 Andreas Mikkelsen (NOR)/Elliott Edmondson (GBR) Skoda Fabia Rally2 Evo +2m07.6s
8 Erik Cais (CZE)/Jindřiška Žáková (CZE) Ford Fiesta Rally2 +2m26.8s
9 Yoann Bonato (FRA)/Benjamin Boulloud (FRA) Citroen C3 Rally2 +2m44.0s
10 Miklós Csomós (HUN)/Attila Nagy (HUN) Skoda Fabia R5 +2m52.0s
11 Sami Pajari (FIN)/Marko Salminen (FIN) Ford Fiesta Rally4 +7m29.4s
12 Jon Armstrong (GBR)/Phil Hall (GBR) Ford Fiesta Rally4 +7m52.6s
13 Alberto Battistolli (ITA)/Simone Scattolin (ITA) Skoda Fabia Rally2 Evo +7m58.2s
14 Jean-Baptiste Franceschi (FRA)/Anthony Gorguilo (FRA) Renault Clio Rally4 +8m32.2s
15 Alejandro Cachón (ESP)/Alejandro López (ESP) Peugoet 208 Rally4 +8m45.8s

FIA ERC2: Javier Pardo (ESP)/Adrián Pérez (ESP) Suzuki Swift R4lly S
FIA ERC3: Sami Pajari (FIN)/Marko Salminen (FIN) Ford Fiesta Rally4
FIA ERC3 Junior: Sami Pajari (FIN)/Marko Salminen (FIN) Ford Fiesta Rally4
Abarth Rally Cup: Dariusz Poloński (POL)/Łukasz Sitek (POL) Abarth 124 rally
Clio Trophy by Toksport WRT: Paulo Soria (ARG)/Marcelo Der Ohannesian (ARG) Renault Clio Rally5