La Sardegna si prepara all’Island X Prix di Extreme E: ecco team e piloti al via

Si corre a Teulada nell’Area Addestrative dell’Esercito. Progetto benefico dedicato a poseidonia marina e ulivi danneggiati dagli incendi

island x prix sardegna

La Cupra Extreme E

Presentata oggi, presso l’Assessorato Regionale al Turismo della Regione Sardegna, la tappa italiana ed europea della nuova serie internazionale Extreme E. L’Island X Prix si correrà all’interno dell’Area Addestrativa dell’Esercito di Capo Teulada il 23-24 ottobre prossimi e sarà la quarta prova del campionato internazionale riservato ai Suv elettrici che ha già fatto tappa in Arabia Saudita, Senegal e Groenlandia. L’Automobile Club Italia, co-organizza e coordina l’evento affidandosi all’esperienza del motorsport regionale. Accanto a pietre miliari come il Ris, l’Aci riesce ora a regalare all’Italia e alla Sardegna una delle prove della prima edizione dell’innovativo Extreme E.

“È un grande piacere essere nuovamente qui in Sardegna per dare il via un evento straordinario, eccezionale, l’unico in Europa di questa serie Extreme E voluta da Alejandro Agag – ha commentato Angelo Sticchi Damiani, presidente dell’Automobile Club Italia e vice presidente della Fia -. I grandi Suv con motorizzazione elettrica ed emissioni zero correranno in una terra poco conosciuta come Capo Teulada, che sino ad ora è stata impiegata per le esercitazioni
dell’Esercito e che adesso ospiterà un’altra tipologia di mezzi, queste fantastiche macchine. I team in gara sono posseduti da grandi campioni come Hamilton, Rosberg, Button e tanti altri, quindi grande spettacolo in una terra fantastica e questa per me è una grande gioia e una grande soddisfazione. Ringrazio il presidente di Aci Sassari, Giulio Pes di San Vittorio, e il suo staff per il grande lavoro svolto per il determinante lavoro svolto per portare questo altro grande evento in Sardegna”.

Extreme E, ideata dal patron della Formula E, Alejandro Agag, impiega la visibilità data dagli eventi motoristici, garantita anche dalla presenza di team e piloti di prim’ordine, per sensibilizzare il pubblico ai temi ambientali come gli effetti negativi generati dai cambiamenti climatici. In ogni tappa della propria serie, grazie ai propri scienziati, Extreme E realizza un Legacy Programme per compensarne i danni. In Sardegna, grazie alla partnership con Enel, Extre E realizzerà un doppio progetto in collaborazione con l’organizzazione MedSea: uno riguarderà la riforestazione della poseidonia marina, l’altro un intervento di recupero delle piante di ulivi danneggiati dagli incendi degli scorsi mesi nei tanti comuni sardi dell’Oristanese coinvolti nei roghi, anche con il ripristino dei terrazzamenti in cui gli orti di ulivi sono coltivati.

“Siamo molto onorati di fare questa gara in Sardegna, un posto incredibile in cui possiamo anche parlare di tematiche ambientali, degli incendi che si sono sviluppati negli scorsi mesi e fare qualcosa in merito. Sarà una grande gara con alcuni dei piloti più forti al mondo, come Carlos Sainz e Sebastien Loeb. Penso che l’Island X Prix sarà un grande successo – ha sottolineato il fondatore e Ceo di Extreme E, Alejandro Agag -. Il Legacy Programme è molto importante per noi, facciamo un lavoro in ogni parte del mondo in cui andiamo e qui ci concentreremo sulla poseidonia oceanica, pianta acquatica molto importante per l’assorbimento del carbonio lavoreremo per riforestarla e poi, sulla terra ferma, interverremo sugli sugli ulivi danneggiati dagli ultimi incendi, proveremo a salvarli e ripristineremo i terrazzamenti dove crescono”.

L’Assessorato Regionale del Turismo, dell’Artigianato e del Commercio, supporta l’evento Island X Prix, che nei dieci giorni a cavallo dell’evento registrerà una richiesta reale di 3.500 notti in albergo tra staff Extreme E, Aci, commissari, operativi, tecnici. A questi si sommano più di 10.000 pasti, che verranno garantiti nei dieci giorni indicati da un’azienda locale. “Restiamo nell’ambito del turismo sportivo ma, grazie a questa iniziativa, toccheremo anche temi ambientali. Lo sport raccoglie tanti contenuti ed un’altra opportunità da sfruttare e raccontare. Sono contento di aver avuto l’occasione di finanziare questo evento, che ci consentirà, ancora una volta, di allungare la stagione, stavolta registrando numeri di grande rilievo nel Sulcis, coinvolgendo peraltro anche un’area militare – ha spiegato l’Assessore al Turismo, Gianni Chessa -. Siamo in pandemia dichiarata, il prossimo anno se Dio vuole faremo questo bellissimo evento aperto a tutti ma intanto è importante comunicare cosa si sta svolgendo in Sardegna. Oggi andiamo nel mondo per poi portare il mondo qui”.

Un momento della presentazione dell’Island X Prix – Foto Andrea Chiaramida

Soddisfazione anche da parte del Generale di Divisione Francesco Olla, Comandante del Comando Militare Esercito Sardegna: “Siamo orgogliosi di far parte di questa organizzazione e di poter mettere a disposizione le nostre aree
addestrative perché, se guardate nella giusta prospettiva, possono essere un’importante risorsa per i territori, come in questa occasione. L’Esercito è un’istituzione al servizio dei cittadini, quindi siamo sempre disponibili a qualsiasi
tipo di confronto, dialogo e collaborazione, soprattutto se con il nostro contribuito andiamo incontro alle esigenze del territorio. Questo evento possiamo considerarlo una sintesi di due anni e mezzo di intenso e produttivo lavoro di squadra, concretizzatosi con la sottoscrizione, con il presidente Solinas, del disciplinare d’uso del Poligono di Capo Teulada che include in sé, anche tutte le proposte avanzate dalle precedenti giunte regionali e dai precedenti comitati misti paritetici. Il tutto, grazie al continuo dialogo interistituzionale fra i rappresentanti della Forza Armata, la giunta regionale e i territori, compresi i sindaci di Teulada, Sant’Anna Arresi e i sindaci del Basso Sulcis. Attraverso questo tipo di collaborazioni vogliamo, in estrema sintesi, essere una parte della soluzione e non parte del problema”.

Tra i team in gara anche quelli del piloti di Formula 1, Lewis Hamilton, Niko Rosberg e Janson Button. I team sono:

  • X44 di Lewis Hamilton che schiera la spagnola Cristina Gutiérrez e il francese nove volte campione del mondo di Rally, Sebastien Loeb;
  • Rosberg X Racing di Nico Rosberg, schiera lo svedese Johan Kristoffersson e l’australiana Molly Taylor;
  • Veloce Racing, schiera Jamie Chadwick e Stéphane Sareazin;
  • Acciona/Sainz XE Team, schiera Carlos Sainz Senior (due volte campione del mondo di rally e padre dell’attuale pilota Ferrari) e Laia Sanz;
  • JBXE di Janson Button, schiera gli svedesi Mikaela Ahlin-Kottulinsky e Kevin Hansen;
  • XITE Energy Racing, schiera il britannico Oliver Bennett e la spagnola Christine Gz;
  • Segi Tv Chip Ganassi Racing, schiera gli americani Kyle Leduc e Sara Price;
  • Andretti United Extreme E, schiera Timmy Hansen e Cate Munnings;
  • ABT Cupra XE, schiera lo svedese Mattias Ekstrom e la tedesca Jutta Kleinschmidt (unica donna al mondo ad aver vinto la Dakar, nel 2001).

La gara si svolgerà all’interno dell’Area Addestrativa dell’Esercito di Capo Teulada il 23/24 ottobre prossimi. Nel corso della settimana, il tracciato di gara sarà teatro di una serie di test, compresi quelli che avranno come protagonisti i rookie, ovvero i piloti candidati a occupare un sedile nella prossima stagione, che potranno mostrare le proprie doti al volante degli Odyssey 21.