Rally Serras de Fafe e Felgueiras, Scandola-Fappani in cerca di conferme europee

Grazie al costante miglioramento nel FIA ERC, Hyundai Rally Team Italia punta alla riconferma tra le principali squadre continentali

Scandola Rally Serras de Fafe e Felgueiras

Umberto Scandola e Danilo Fappani

Prosegue con Umberto Scandola e Danilo Fappani il programma di Hyundai Rally Team Italia nel Campionato Europeo Rally 2021. Il sesto degli otto appuntamenti in calendario è il 34° Rally Serras de Fafe e Felgueiras, che si corre nel primo weekend di ottobre sugli sterrati del nord del Portogallo. Il pilota veronese e il navigatore bresciano saranno al via con la i20 R5 gommata Pirelli di S.A. Motorsport in una gara dalla lunga tradizione e su strade che hanno fatto la storia del mondiale rally. Tra le curiosità è doveroso ricordare che proprio nella cittadina di Fafe è presente il “Museu do Rali”, un luogo di culto per gli appassionati dove possono ammirare le vetture da corsa e i cimeli che hanno fatto la storia della specialità.

L’equipaggio italiano in Portogallo dopo aver conquistato un ottimo sesto posto assoluto al recente Rally delle Azzorre, impreziosito da una serie di tempi in prova tra i primi cinque. La settimana precedente avevano vinto il Rally dei Nuraghi e Vermentino in Sardegna e grazie a tre vittorie e due secondi posti, sono al comando del Campionato Italiano Rally Terra a una gara del termine.

“Proseguo con molto entusiasmo nell’intenso programma di gare che in poche settimane ci vede impegnati con la nostra i20 nell’Europeo e nei campionati italiani assoluto e terra – racconta Scandola -. Correre qui in Portogallo tra tanti appassionati è una grande soddisfazione per tutta la squadra e non vedo l’ora di misurarmi contro i forti piloti che troveremo al via. Come tutte le altre gare dell’ERC anche il Rally di Fafe è completamente nuovo per noi e per questo affronteremo le prove con molta attenzione, specialmente nel primo passaggio, con l’intento di fare esperienza. C’è da sottolineare che sarà almeno un percorso più simile ai rally di casa nostra e non così veloce e particolare come era stato in Polonia e la Lettonia. Proprio alle Azzorre sono arrivate le prime soddisfazioni e spero di proseguire in questa crescita. Nel frattempo penso alla prova di Lameirinha. Ho visto i filmati del salto di Pedra Sentada, dove si riversano tanti spettatori per fare il tifo alle auto che saltano con le ruote all’aria per 50 metri. Adrenalina allo stato puro e cercherò di non deluderli”.

Attesi al via del Rally Serras de Fafe e Felgueiras tutti i protagonisti della serie continentale, tra questi 23 equipaggi al volante delle vetture R5, che nel FIA ERC prendono il nome di RC2. Tra questi quattro equipaggi corrono con Hyundai i20: il pilota di Hyundai Motorsport impegnato nel WRC Dani Sordo con Candido Carrera, vincitore dell’edizione 2019, l’ex campione spagnolo Ivan Ares con David Vazquez, l’ex campione italiano Umberto Scandola e una seconda vettura di S.A. Motorsport per Alessandro Taddei con Andrea Gaspari.  

Il rally entrerà nel vivo venerdì 1 ottobre, con lo shakedown, previsto dalle ore 13.30 alle 15.30, per proseguire alle 16 con la Qualifyng Stage Monte Fafe 3,25 chilometri (selezione ordine di partenza dei primi 15). Sabato 2 ottobre alle 8 partenza della prima sezione da Feira Velha; 6 speciali (3×2) per un totale di 113,42 chilometri cronometrati con fine tappa alle 20.48 a Feira Velha. Domenica 3 ottobre alle 8.20 partenza da Feira Velha; 8 proe (4×2) per un totale di 83,66 chilometri cronometrati; 16.23 arrivo a Feira Velha e cerimonia di premiazione. In totale, saranno 16 prove speciali (7 differenti) per 197,08 chilometri (29,40%) e una distanza totale di 687,82 chilometri.