Addio al “Preside volante”: è morto Nino Vaccarella

Tre volte vincitore della Targa Florio il “Preside volante”, era un’autentica leggenda dell’automobilismo mondiale

nino vaccarella

Nino Vaccarella intervistato dal giornalista Rosario Lo Cicero

È morto questa mattina, all’età di 88 anni, all’ospedale Civico di Palermo il tre volte vincitore della Targa Florio Nino Vaccarella, per tutti il “Preside volante”, un’autentica leggenda dell’automobilismo mondiale che ha legato il suo nome agli anni d’oro della Ferrari. Con il Cavallino Rampante di Maranello ha partecipato a gare storiche come la 24 Ore di Le Mans, vincendola nel 1964 in coppia con Jean Guichet a borda della mitica Ferrari 275P. Nello stesso anno ha vinto, sempre a bordo della Ferrari, la 12 ore di Sebring e la 1000 chilometri del Nurburgring, in coppia con Ludovico Scarfiotti.

In Formula 1 ha disputato 4 gran premi con le scuderie De Tomaso, Lotus, Ferrari e Porche. Nato a Palermo è stato uno dei piloti più amati e conosciuti in Italia e nel mondo. Uomo di grande cultura e di straordinario carisma non ha mai abbandonato il mondo dell’automobilismo rimando sempre legatissimo alla “sua” Targa Florio, di cui in questi anni, grazie al lavoro di Aci Palermo, è diventato un preziosissimo testimonial. Nel 2003 l’uscita in libreria della sua biografia: “Il Preside volante, la mia storia automobilistica” edito da Flaccovio.