Andreucci mattatore in Sardegna regala la prima vittoria ad MRF Tyres. Poi Scandola e Campedelli

Il pluricampione italiano insieme a Rudy Briani, ha fatto segnare il miglior tempo in 3 delle 4 prove speciali

Rally Italia Sardegna Andreucci

Paolo Andreucci e Rudy Briani, Skoda Fabia R5 #103, M33

Paolo Andreucci ha vinto (dominando) la gara del Rally Italia Sardegna, valida per il campionato italiano rally terra. Il pluricampione italiano insieme a Rudy Briani, ha fatto segnare con la Skoda Fabia R5 gommata MRF Tyres, il miglior tempo in 3 delle 4 prove speciali in programma, lasciando la vittoria dell’ultima prova, la “Terranova 2” ad Umberto Scandola e Guido D’Amore, arrivati secondi con la Hyundai i20 NG e che rimangono leader del tricolore. Sul terzo gradino del podio Simone Campedelli e Gianfranco Rappa con la Wolkswagen Polo R5. Ragionata la prestazione del cesenate che non ha forzato sulle speciali piene di insidie della terra sarda, quando ha visto scappare via il leader Andreucci dopo il primo loop.

Ai piedi del podio del CIRT chiude il giovane Bruno Bulacia con Rogelio Penate. L’emergente ragazzo sudamericano si è saputo mettere in mostra in maniera costante alla guida della Skoda Fabia R5 e ha i consigli del fratello Marquito, impegnato sulle stesse strade in WRC2 per capire il giusto approccio nel debutto in Sardegna. Rientra nella top five il bergamasco Enrico Oldrati, insieme ad Elia De Guio su altra Fabia R5, che completa al meglio una prestazione in crescita all’esordio nel Terra dopo l’assenza all’Adriatico.

Sesta piazza e buona soddisfazione per Simone Romagna e Luca Addondi, sempre su Skoda Fabia R5, seguito da una agguerrita Tamara Molinaro, in continua ascesa, in coppia con Pierluigi Capolongo, che mette di nuovo in evidenza il suo talento e si ritaglia un piazzamento eccellente nell’assoluta con la Citroen C3 R5. Ottavo assoluto il primo equipaggio di casa, formato dall’esperto pilota di Arzachena Giuseppe Dettori con Carlo Pisano su Skoda Fabia. Si inserisce nonostante una foratura, Rachele Somaschini, altra portacolori di Aci Team Italia che sta migliorando il suo feeling sulla Citroen C3 R5 su fondo sterrato. Conclude la top ten del Terra al RIS Edoardo Bresolin, su altra Skoda Fabia R5. Trasferta sfortunata per lui come per un altro dei più attesi tra i protagonisti del CIRT, Giacomo Costenaro. Inizio difficile per il vicentino, sulla Hyundai i20 R5 con Justin Bardini, che paga subito un gap di 8 minuti per una foratura che lo costringe al ritiro prima della seconda prova.

Da sottolineare la prova degli outsider locali Pusceddu-Cottu su Peugeot 208 R2C che si prendono la vittoria di classe e l’undicesima posizione assoluta. Ordinata fino in fondo la gara di Zelindo Melegari, che in assenza di rivali di categoria si va a prendere il secondo successo in Gruppo N sulla sua Subaru Impreza.

Una gara intensa e difficile anche per gli undici alfieri del CIR Junior, tutti su Ford Fiesta Rally4, preparate da Motorsport Italia e gommate Pirelli. Tra i convocati in Sardegna per il secondo round stagionale, il successo finale è andato a Giorgio Cogni in coppia con Gabriele Zanni. Loro i migliori tra gli Under 27 di Aci Team Italia su due delle tre prove effettivamente disputate. Una infatti, la speciale 2 “Terranova”, si è svolta in trasferimento a causa dell’uscita di strada di Mattia Vita, con Max Bosi, out dopo una doppia foratura in avvio. Seconda piazza per Emanuele Rosso e Andrea Ferrari, vincitori di entrambe le ultime due prove, limitati sull’ultima da un problema alla vettura che li precedeva (Peugeot 208 Walter-Minor), che gli ha costretti in scia nella polvere fino alla fine. Terzo assoluto per l’aostano Marcel Porliod con Andre Perrin, che incornicia un risultato a sorpresa quanto meritato che ora lo rilancia pensando alla classifica tricolore.

CLASSIFICA ASSOLUTA RALLY ITALIA SARDEGNA CIRT: 1. Andreucci-Briani (Skoda Fabia) in 47’29.9; 2. Scandola-D’Amore (Hyundai I20 N.G.) a 31.8; 3. Campedelli-Rappa (Volkswagen Polo) a 52.7; 4. Bulacia-Penate (Skoda Fabia) a 59.4; 5. Oldrati-De Guio (Skoda Fabia R5 Evo) a 2’04.2; 6. Romagna-Addondi (Skoda Fabia Evo) a 2’37.9; 7. Molinaro-Capolongo (Citroen C3) a 3’56.1; 8. Dettori-Pisano (Skoda Fabia) a 4’20.8; 9. Somaschini-Zanchetta (Citroen C3) a 6’01.2; 10. Bresolin-Pollet (Skoda Fabia) a 7’07.4.

CLASSIFICA ASSOLUTA RALLY ITALIA SARDEGNA CIRJ: 1.Cogni-Zanni (Ford Fiesta) in 56’58.7; 2. Rosso-Ferrari (Ford Fiesta) a 26.4; 3. Porliod-Perrin (Ford Fiesta) a 2’21.2; 4. De Nuzzo-Colapietro (Ford Fiesta) a 2’25.1; 5. Porta-Segir (Ford Fiesta) a 3’32.8; 6. Pederzani-Pozzi (Ford Fiesta) a 4’27.3; 7. Dapra’-Grimaldi (Ford Fiesta) a 8’08.0; 8. Lovati-Ciucci (Ford Fiesta) a 8’11.1.

CLASSIFICA CIRT: 1.Scandola 33pt; 2.Campedelli 25pt; 3.Andreucci 22,5pt; 4.Bresolin 13,50pt; 5.Dettori 12,50pt.
CLASSIFICA CIRJ: 1. Rosso 29pt; 2. Cogni 23pt; 3. Casella 20pt; 4.De Nuzzo. 4; 5. Vita-Pederzani 16pt.