Numeri e curiosità del Rally Italia Sardegna: evento che impegna oltre 900 persone

La macchina organizzativa disposta da Aci è pronta per il round italiano del World Rally Championship. L’evento si muove grazie ad uno staff di oltre 900 persone

Rally Italia Sardegna

Il Rally Italia Sardegna, round italiano del World Rally Championship è la gara organizzata dall’Automobile Club d’Italia con il supporto della Regione Sardegna, che ha validità anche per il Campionato Italiano Rally Terra e Campionato Italiano Rally Junior, nella tappa del venerdì.

Una macchina complessa ed articolata quella dell’organizzazione che coinvolge uno staff di oltre 900 persone, ciascuno con mansioni e compiti precisi. Un evento che prevede un investimento di 3,5 milioni di euro e che produce un indotto che nel 2019 è stato stimato in 88 milioni di euro, come evidenziato da una studio dell’Università di Sassari su base 2019 e dichiarato durante la presentazione della gara. Ecco un po’ di numeri e curiosità del Rally Italia Sardegna 2021.

Quella 2021 è la 18esima edizione della gara in Sardegna. Gli iscritti al WRC sono 58, mentre gli equipaggi del Campionato Italiano Rally Terra e Junior sono 44. Le nazioni coinvolte sono 25. Quattro invece i giorni di gara, per un totale di 1.299,02 chilometri di gara, suddivisi in 20 prove speciali e 303,10 chilometri di tratti cronometrati.

Undici le vetture apripista per un totale di 22 persone di equipaggio. Sul tracciato saranno impegnati ben 624 commissari di percorso. Sono 9 i mezzi di soccorso tecnico per 18 persone CEA addette. I mezzi di soccorso sanitario impegnati sono 20 per ogni giorno, con un totale di 60 sanitari per ogni giorno di gara. Undici i mezzi di Aci Global impiegati per ogni giorno di gara e 1 elicottero. Cinquantasei i cronometristi. Gli addetti alla segreteria e direzione gara sono 50. La gara è trasmessa live TV e streaming su WRC+, Rai Sport trasmetterà in chiaro la diretta di 4 prove speciali, grazie all’acquisizione dei diritti da parte di Aci Sport, su Aci Sport TV gli appuntamenti che riguardano le serie tricolori. Gli spettatori sono ammessi alla gara in misura di un quarto, rispetto alla normale disponibilità di spazi riservati al pubblico.