Ottimo esordio “integrale” su terra per Pollara e Mangiarotti: all’Adriatico top ten e primi Under 25

All’Adriatico primo posto tra gli Under 25 per Pollara e Mangiarotti. Sul finale conquistano la top ten nella generale

Pollara Adriatico

Marco Pollara e Daniele Mangiarotti

L’esordio su terra con una trazione integrale ha prodotto risultati soddisfacenti per Marco Pollara e Daniele Mangiarotti, che al Rally Adriatico hanno centrato la top ten. Nella gara marchigiana a bordo della Citroen C3 R5 gommata Pirelli del Team PRT, curata in assistenza con il supporto del team G.Car, l’equipaggio di Aci Team Italia ha condotto una gara in crescendo, migliorando giro dopo giro e conquistando il primo posto tra gli under 25, in una gara dove le insidie hanno fermato tantissime vetture.

“È stata per noi una gara per apprendistato, non avevamo fatto test e la mia esperienza su terra con la trazione integrale era pari a zero – ha detto Pollara -. Siamo cresciuti chilometro dopo chilometro e il feeling con la nostra fantastica Citroen C3 R5 cresceva prova dopo prova. Mi sono divertito molto, ho pensato solo guidare e prendere confidenza con questa tipologia di fondo in prospettiva del rally di San Marino, quarta prova del campionato italiano. Non avevamo nessuna ambizione per la gara ai fini della classifica. In ogni prova ci siamo sempre migliorati, abbassando i tempi e guadagnando posizioni in classifica, riuscendo a risalire fino al decimo posto nella penultima prova speciale. Abbiamo condotto una bellissima battaglia con la mia compagna di squadra Tamara Molinaro, che mi ha fatto sudare non poco per superarla nella classifica generale. Voglio ringraziare Daniele (Mangiarotti, navigatore), che come sempre dimostra di essere sempre al top, così come tutta la mia squadra, il Team PRT di Daniele Pellegrineschi, la G Car, Aci Team Italia e Pirelli, oltre che la Scuderia Movisport e Luca Costantino“.

“Siamo molto soddisfatti di questo Rally Adriatico – ha commentato Daniele Mangiarotti-. Abbiamo deciso di partecipare alla prima gara del campionato italiano rally terra, perché sapevamo che il livello era molto alto e questo ci poteva essere d’aiuto per le prossime gare del campionato italiano che rimane il nostro obiettivo primario. Siamo contenti della nostra crescita, la terra è stupenda e non vediamo l’ora di tornare, anche se bisognerà aspettare San Marino. Adesso pensiamo alla Targa Florio, gara che abbiamo disputato lo scorso anno come partecipazione spot e che non vediamo l’ora di ritornare a disputare”.