Un Rallye Sanremo da dimenticare per Alessio Profeta e Sergio Raccuia

A Sanremo una gara tutta in salita per l’equipaggio di Aci Team Italia, che non è riuscito a trovare il giusto feeling sulle speciali

Rallye Sanremo Profeta

Si è concluso soltanto con un traguardo il Rally di Sanremo per Alessio Profeta e Sergio Raccuia. La gara corsa in Liguria – secondo round del campionato italiano rally – è stata caratterizzata anche quest’anno dal clima impervio e, per l’equipaggio di Aci Team Italia, portacolori della scuderia Island Motorsport, si è trasformata in una gara altalenante.

“Siamo riusciti a portare all’arrivo la nostra Fabia – ha commentato con un sorriso amaro Profeta -. La nostra prima gara a bordo della nuova Skoda Fabia R5 Evo del Team PrOli, è stata più complessa del previsto. Il Rally di Sanremo, con il suo meteo imprevedibile, si è confermato un rally tutto da scoprire, anche quest’anno. La scorsa stagione dopo mille vicissitudini non si realizzò per il meteo e l’acqua che avevano devastato le strade interessate dalle prove. Quest’anno abbiamo ritrovato una forte pioggia, che ha reso le strade molto scivolose. La vettura ha risposto in modo perfetto, siamo stati noi a non riuscire a trovare il passo. Peccato, perché al Ciocco avevamo dimostrato di aver un ottimo passo, al pari dei primi. Adesso preferisco concentrarmi sul nostro prossimo appuntamento, che ci vedrà in Sicilia, sulle strade amiche della Targa Florio”.

Abbiamo conquistato il traguardo e non è stato semplice – aggiunge Raccuia -. Ancora una volta Sanremo dimostra di essere una gara molto complessa da interpretare. Speriamo di ritrovare quelle condizioni climatiche familiari alla Targa Florio, con un fondo che conosciamo molto bene. Lo scorso anno abbiamo detto la nostra in patria, contiamo di far bene anche quest’anno”.