Lucio Da Zanche e Daniele De Luis dominano il Sanremo Storico. Podio per Musti e Luise

Il pluricampione italiano ed europeo ha dominato la corsa che inaugurava la stagione italiana ed europea dei rally storici

sanremo da zanche

Da Zanche-De Luis, Musti-Biglieri e Luise-Handel, sul podio del Sanremo Storico 2021 - Foto Rally Time/Lorenzo Renucci

É arrivato il quarto centro personale di Lucio Da Zanche al Rally di Sanremo tra le auto storiche, vincendo ben 10 prove speciali sulle 14 in programma. Il pluricampione italiano ed europeo ha dominato la corsa che inaugurava la stagione di entrambe le serie fin dalla prima tappa del venerdì al volante della Porsche 911 gruppo B condivisa con il navigatore Daniele De Luis, preparata dal team Pentacar e gommata Pirelli. Grazie a questo successo, dunque, il pilota di Bormio sale in testa alla classifica sia del Tricolore sia all’Europeo e aggiunge ai trionfi 2011, 2012 e 2018 anche il brillante exploit dell’edizione 2021. Un poker “di lusso” nel prestigioso rally ligure, da sempre così speciale per la squadra e per lo stesso Da Zanche, che insieme a De Luis ha impresso un ritmo insostenibile per i rivali vincendo 5 delle 6 prove speciali disputate venerdì. L’equipaggio valtellinese ha quindi iniziato la giornata decisiva confermandosi imprendibile nelle prime tre PS del sabato e ha poi centrato l’obiettivo più ambizioso controllando la corsa fino al traguardo finale a Sanremo.

“Siamo davvero felici per questa vittoria così importante e ottenuta in un contesto caro personalmente e per tutta la Pentacar, che ha sostenuto me e Daniele in maniera impeccabile. La Porsche era perfetta e venerdì siamo partiti decisi e determinati come avevamo pianificato – il commento a caldo di Da Zanche -. Soprattutto le prime due prove speciali sono state fondamentali. Ma anche l’affidabilità ha poi giocato un ruolo cruciale, abbiamo potuto spingere sempre. Nel primo giro di prove del sabato abbiamo poi rispettato l’obiettivo di mantenere il vantaggio accumulato. Il ritmo è stato sostenuto e a quel punto sapevamo che nel giro finale del pomeriggio non spettava più a noi rischiare. Abbiamo tenuto comunque un ottimo passo e il successo è arrivato. É il quarto per me al Sanremo, ora ce lo godiamo un po’ insieme alla squadra. É il miglior biglietto da visita in vista di un 2021 che inauguriamo in vetta ai due campionati più importanti ma che sappiamo sarà di alto livello per via di una concorrenza davvero agguerrita”.

Ci va davvero vicino Matteo Musti, sorpresa di questa gara. Il pilota di Voghera con la sua Porsche 911 in coppia con Claudio Biglieri, si è saputo mettere in evidenza correndo una bella gara sempre rimanendo sempre sulla scia di Da Zanche. Qualche errore nel primo giorno non gli ha permesso di lottare per la vetta del podio ma il risultato è comunque notevole ottenendo uno scratch, il 2° Raggruppamento e chiudendo secondo assoluto a 23 secondi dal primo. Terza piazza meritata per Matteo Luise e Fabrizio Handel con la Subaru Legacy. Una gara in salita per il pilota di Adria tornato sulla vettura dopo cinque anni dall’ultima apparizione sulla Legacy, di Balletti Motorsport.

Sorride anche Andrea “Zippo” Zivian, tra i protagonisti di questa gara con la Audi Quattro navigato da Denis Piceno che cnclude quarto assoluto. Seguono in classifica le Porsche 911 affidate alle cure di Davide Negri e Marco Bertinotti navigato da Andrea Rondi si sono rispettivamente occupati la quinta e sesta posizione dopo aver lottato nelle prove. In particolare Negri, copilota Roberto Coppa per, ha spinto nel tratto finale ma non ha mai risolto i problemi di potenza che aveva riscontrato già nella prima tappa.

In questa seconda giornata, fuori dai giochi quasi subito, il più atteso di tutti Luigi “Lucky”Battistolli, con Fabrizia Pons, con la sua Lancia Delta Integrale 16V Gruppo A di 4° Raggruppamento che toccando un muretto ha rotto una sospensione che l’ha costretto ad abbandonare la corsa. Proseguendo con la classifica finale assoluta dello Storico termina settimo assoluto Angelo Lombardo, navigato come sempre da Ratnayake. Un po’ di amaro in bocca per il pilota di Cefalù, sulla Porsche 911 Rsc di 4° Raggruppamento curata dal Team Guagliardo, autore di due scratch sulla prova di “Semoigo”, ma rallentato nella due giorni di gara prima da una sospensione poi da qualche errore sul finale.

Ottavo assoluto, l’equipaggio spagnolo formato da Daniel Alonso Villaron e Alejandro Lopez Fernandez con la loro Ford Sierra Cosworth 4X4, mentre completano la top ten assoluta il novarese Dino Vicario sulla Ford Escort MKII, il migliore tra le Gruppo 2 e Maurizio Pagella con Roberto Brea su 911 Carrera Rs.

Gli asfalti del Sanremo sono stati teatro di battaglie anche nel 1° Raggruppamento dove a spuntarla è stato il campione in carica Antonio Parisi con Giuseppe D’Angelo che ha approfittato dei problemi che hanno ritardato il suo principale avversario Nicola Salin con Davide Protta su Porsche 911 S, altra 911 S. Il prossimo round del CIRAS 2021 adesso si disputerà sugli asfalti della Targa Florio Historic Rally in programma per il 7-8 maggio.

CLASSIFICA ASSOLUTA 36esimo SANREMO RALLY STORICO – DAY 2: 1. Da Zanche-De Luis (Porsche 911 Sc Rs) in 1:01’51.1; 2. Musti-Biglieri (Porsche 911 Rsr) a 24.8; 3. Luise-Handel (Subaru Legacy) a 1’42.8; 4. ‘Zippo’-Piceno (Audi Quattro) a 1’55.7; 5. Negri-Coppa (Porsche 911) a 2’02.1; 6. Bertinotti-Rondi (Porsche 911 Rsr) a 2’11.2; 7.Lombardo-Ratnayake (Porsche 911 Sc Rs) a 2’56.7; 8. Alonso Villaron-Lopez Fernandez (Ford Sierra Cosworth 4X4) a 3’01.3; 9. Vicario-Bondesan (Ford Escort Rs1800) a 4’45.9; 10. Pagella-Brea (Porsche 911 Carrera Rs) a 5’42.3.

4° Raggruppamento: Da Zanche- De Luis (Porsche 911 Sc Rs)in 1:29’52.1 Porsche 911 Sc Rs; 2. Luise- Handel (Subaru Legacy) +1’57.3;3. Alonso Villaron- Lopez Fernandez(Ford Sierra Cosworth 4X4)+4’57.1.
3°Raggruppamento: 1. ‘Zippo’- Piceno (Audi Quattro)in 1:32’04.0;2. Delle- Regis (Fiat Ritmo 75)+11’55.6; 3. Gandolfo- Torterolo (Fiat 127)+13’40.9.
2°Raggruppamento: 1. Musti- Biglieri (Porsche 911 Rsr) in 1:30’12.8; 2.  Negri- Coppa (Porsche 911)  +1’57.9; 3. Bertinotti- Rondi (Porsche 911 Rsr) +2’32.4.
1°Raggruppamento: 1. Parisi- D’Angelo (Porsche 911 S)in 1:48’34.9 ; 2. Salin-Protta (Porsche 911 S) + 3’36.8; 3. Bianco  – Casazza (Porsche 911) +5’17.5.