Tuscan Rewind 2020, confermato a fine novembre

L’edizione 2020 del Tuscan Rewind avrà modificati alcuni suoi caratteri, rispetto al recente passato

Tuscan

Appuntamento dal 20 al 22 novembre, per il gran finale dei rally italiani di vertice, con il Tuscan Rewind 2020, da corrersi sugli sterrati “mondiali” del senese che ospiteranno gli atti finali del Campionato Italiano Rally, del Campionato Italiano Rally Terra, del Campionato Italiano Cross Country e del Campionato Italiano Rally Terra Storico.

L’organizzazione, curata da Eventstyle, lavora a spron battuto per realizzare l’appuntamento che dovrà dare continuità alle entusiasmanti edizioni precedenti della gara ed anche alla stagione corrente, rimessa in piedi nonostante la pandemia, grazie all’impegno della Federazione degli organizzatori che hanno garantito il poter far svolgere le gare.

L’edizione 2020 del Tuscan Rewind avrà modificati alcuni suoi caratteri, rispetto al recente passato, primo fra tutti sarà cambiata la sede del quartier generale spostata da Montalcino a San Giovanni d’Asso, in accordo con l’Amministrazione Comunale, mentre è confermata la logistica del parco assistenza a Buonconvento con due riordini nel prestigioso scenario della Tenuta Caparzo.

Format diverso rispetto alla scorsa edizione con la gara che viene “sdoppiata”: sabato 21 novembre sarà protagonista tutto ciò che è rally “moderno” con le varie titolarità (partenza ore 7,01 ed arrivo alle ore 16,01) mentre domenica 22 novembre sarà riservata esclusivamente al Campionato Italiano Rally Storici su terra ed al Cross Country, con partenza alle ore 9 ed arrivo dalle ore 15. Sempre domenica si svolgerà la gara riservata alle vetture della Regolarità Sport.

Percorso identico nelle due giornate ma con chilometraggi diversi. Saranno tre le prove speciale, da affrontare per tre volte per il Campionato Italiano Rally (CIR) e per il Campionato Terra (CIRT), per un chilometraggio complessivo di 92,280 chilometri su un percorso totale di 248,150, mentre per la parte “Historic” e “fuoristrada” avrà un percorso complessivo ed anche di distanza competitiva ridotta, quindi con 61,520 chilometri di “piesse” (tre diverse per due volte) sui 174,080 complessivi.