Chignolo Po, Marcello Razzini sulla Polo R5 per il primo test dopo il lockdown

Positivo l’esordio stagionale di Marcello Razzini al volante della vettura tedesca preparata da HK Racing

marcello razzini

Marcello Razzini - Foto Diessephoto

Un test per rompere il ghiaccio, per ritrovare gli automatismi agonistici, per scoprire la tanto agognata arma con la quale dare l’assalto alla nuova stagione sportiva. Aveva tanti significati per Marcello Razzini, la giornata di prove organizzata sul circuito di Chignolo Po da Loran ed HK Racing. Al termine della sessione, il portacolori di Collecchio Corse, ripercorre con toni decisamente positivi la prima uscita rombante del 2020.

“Per quanto possa valere un test effettuato in pista – commenta Marcello Razzini – le sensazioni che mi hanno lasciato queste poche ore al volante sono positive. Prima di tutto, è stato molto bello (oserei dire una liberazione) tornare a calarmi in un abitacolo e ricominciare finalmente a lavorare sulla preparazione della vettura. Ero davvero ansioso di scoprire la Volkswagen Polo R5 con la quale ho in programma di correre – appena sarà possibile farlo – quest’anno. L’auto mi ha subito ben impressionato, soprattutto mi ha colpito a livello di telaio e per i freni; diciamo che è scoccata la scintilla – sorride Razzini. Non vedo l’ora di tornare a guidarela per poterne scoprire le caratteristiche e fare passi avanti nella guida dell’auto”.

A Chignolo Po, Razzini ha ritrovato anche i componenti del team lariano: “Dopo la fugace presa di contatto di fine 2018, è stato un piacere tornare a lavorare con i tecnici ed i meccanici di HK Racing. Mi hanno subito messo a mio agio, permettendomi di ottimizzare queste poche ore di lavoro in pista grazie alla loro grande esperienza nella preparazione della Polo. Infine, vorrei menzionare l’ottima organizzazione di Loran, che ci ha permesso di svolgere questo primo test stagionale in condizioni di assoluta sicurezza, nel più ferreo rispetto delle normative  federali sul fronte sanitario imposte dall’emergenza coronavirus. Archiviato questa giornata inaugurale, ora ci proiettiamo verso il prossimo turno di prove, che dovrebbe finalmente avvenire su strada e con al fianco il mio nuovo navigatore, il bellunese Rudy Pollet“.